Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    Castel Volturno / Scoperto calzaturificio abusivo in località Mazzafarro, blitz dei carabinieri: beni da un milione di euro sequestrati


    L’operazione eseguita dai carabinieri del NIL. Nello stabilimento lavarano 13 persone in nero. Si frodava rubava anche l’energia elettrica: quantificabile in 50.000,00 euro circa Castel Volturno - Nella mattinata di oggi, i carabinieri della Stazione di Castel Volturno unitamente a quelli del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Caserta (NIL), lo Speciale Reparto dell’Arma in servizio […]

    L’operazione eseguita dai carabinieri del NIL. Nello stabilimento lavarano 13 persone in nero. Si frodava rubava anche l’energia elettrica: quantificabile in 50.000,00 euro circa

    Castel Volturno - Nella mattinata di oggi, i carabinieri della Stazione di Castel Volturno unitamente a quelli del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Caserta (NIL), lo Speciale Reparto dell’Arma in servizio presso la Direzione Territoriale del Lavoro  che opera al contrasto del lavoro irregolare, hanno fatto irruzione in un opificio sito alla località Mazzafarro – via Centauro snc, posto all’interno di un agglomerato artigianale dedito alla fabbricazione di imbarcazioni.

    Sul posto i militari hanno trovato intenti alla produzione di calzature HOGAN a marchio contraffatto n. 13 persone di sesso maschile tutti “in nero” e sottopagati, nonché sprovvisti delle più elementari misure di sicurezza contro gli infortuni sul lavoro.

    All’interno della fabbrica di circa 150 mq, sono state trovate n. 200 paia di scarpe HOGAN contraffate debitamente confezionate e pronte per essere immesse sul mercato clandestino,  circa 2000 suole, sempre a marchio HOGAN e tutte le macchine dedite alla fabbricazione del prodotto.

    Titolare dell’attività è risultato essere L. S. E. di anni 52 di Marano di Napoli, in possesso di regolare contratto di affitto dell’immobile ad uso industriale,  presente sul posto e successivamente tratto in  arresto.

    Le indagini immediate hanno evidenziato che la fabbrica era completamente abusiva, sprovvista, cioè, di ogni autorizzazione e si avvaleva dell’allaccio abusivo dell’energia elettrica accertata dai funzionari dell’ENEL immediatamente intervenuti sul posto.

    L’attività odierna è scaturita da una serie di servizi di osservazione, controllo e pedinamento predisposti dai Carabinieri del NIL, che nei pressi del sito in questione, posto in aperta campagna e difficilmente individuabile, avevano notato un soggetto precedentemente controllato dai militari sempre all’interno di un calzaturificio abusivo nell’agro aversano.

    I predisposti servizi di OCP posti in essere nei giorni successivi hanno permesso di accertare che  all’interno del fabbricato vi fosse un qualcosa di anomalo e pertanto in mattinata si è decisa l’irruzione che ha portato, come detto, all’arresto della citata persona e al sequestro dell’immobile e di tutta la linea produttiva per un valore complessivo di circa 1.000.000 di euro, mentre l’ENEL ha evidenziato un furto di energia elettrica quantificabile in 50.000,00 euro circa.

    In materia di lavoro sono state comminate sanzioni amministrative, per violazione all’ L. 248/06, per euro 100.000,00 circa.

    PUBBLICATO IL: 31 ottobre 2012 ALLE ORE 16:56