Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    CASTEL VOLTURNO – Rapina una prostituta: 22enne finisce in carcere


      Operazione dei poliziotti del commissariato di Castel Volturno CASTEL VOLTURNO - Nella tarda serata di ieri, ad epilogo di una concisa attività investigativa, Agenti della Squadra Investigativa del Commissariato di Castel Volturno  diretto dal Vice Questore Dr.ssa Carmela D’Amore, hanno arrestato Francesco Balido , napoletano di 22 anni, responsabile di rapina aggravata nei confronti di una […]

     

    Operazione dei poliziotti del commissariato di Castel Volturno

    CASTEL VOLTURNO - Nella tarda serata di ieri, ad epilogo di una concisa attività investigativa, Agenti della Squadra Investigativa del Commissariato di Castel Volturno  diretto dal Vice Questore Dr.ssa Carmela D’Amore, hanno arrestato Francesco Balido , napoletano di 22 anni, responsabile di rapina aggravata nei confronti di una prostituta rumena operante sul litorale Domitio di Castel Volturno.

    Originario del noto quartiere di Secondigliano, da alcuni anni il Balido si era trasferito con il suo nucleo familiare nei nuovi insediamenti residenziali di Lusciano (P.co Oasi) e successivamente in Trentola Ducenta, ove nella serata di ieri è stato rintracciato e tratto in arresto. Già pregiudicato per furto aggravato e per un analogo episodio di rapina in danno di una prostituta nella zona di Villa Literno, in data 30 ottobre 2013 il Balido si era reso responsabile di un altro grave episodio di rapina nei confronti di prostitute.

    Questa volta si trattava di una ragazza albanese adescata nei pressi di Ischitella, lungo la via Domitiana, M.T. di 31 anni, che, dopo essere stata fatta salire in macchina con la scusa di voler consumare con la stessa una prestazione sessuale, veniva privata di tutti gli effetti personali sotto la minaccia di un grosso coltello, per poi essere abbandonata in una zona isolata del litorale.

    Portatasi negli uffici del Commissariato di Castel Volturno accompagnata da un automobilista di passaggio, la M.T. sporgeva denuncia per il grave episodio che l’aveva vista vittima, fornendo nella circostanza utili importanti dettagli che consentivano la rapida identificazione del rapinatore, al cui rintraccio venivano tempestivamente indirizzate le ricerche degli investigatori del Commissariato di C.V.

    Nelle more di tali ricerche, mai interrotte, nella mattinata di ieri il GIP presso il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere – Dr.ssa Nicoletta Campanaro, accogliendo la richiesta di misura Cautelare avanzata dal P.M. titolare dell’indagine Sost. Proc. Dr.ssa Patrizia Dongiacomo, emetteva nei suoi confronti un’ Ordinanza di custodia cautelare in carcere che veniva puntualmente eseguita nella stessa serata. All’atto dell’arresto l’uomo è stato rintracciato a Trentola Ducenta, presso il suo attuale domicilio, e successivamente accompagnato presso gli uffici del Commissariato di Castel Volturno per le formalità di rito, al termine delle quali veniva associato al Carcere di Santa Maria Capua Vetere, dove resterà in attesa di essere interrogato dall’A.G. titolare delle indagini.

     

    PUBBLICATO IL: 11 gennaio 2014 ALLE ORE 15:10