Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    Castel Volturno / Castello e Largo San Castrese “impaludati” tra impalcature e nastri di sicurezza strappati: dov’è finita l’autorizzazione per la messa in sicurezza del “Mandracchio”?


      Casertace ritorna nel cuore antico della cittadina rivierasca. Dopo mesi e mesi di parole, esternazioni e segnalazioni, nulla è cambiato. Nei prossimi giorni avvieremo un’altra inchiesta… Castel Volturno – Siamo tornati nel largo San Castrese di Castel Volturno e abbiamo visitato piazza Castello, ebbene, a distanza di circa un anno dalle segnalazioni espletate dai mezzi […]

     

    Nelle foto, da sinistra il Largo San Castrese e il Castello di Castel Volturno

    Casertace ritorna nel cuore antico della cittadina rivierasca. Dopo mesi e mesi di parole, esternazioni e segnalazioni, nulla è cambiato. Nei prossimi giorni avvieremo un’altra inchiesta…

    Castel Volturno – Siamo tornati nel largo San Castrese di Castel Volturno e abbiamo visitato piazza Castello, ebbene, a distanza di circa un anno dalle segnalazioni espletate dai mezzi di informazione locali e non solo, dalla società civile e dalle associazioni, tutto è rimasto come era.

    Non vogliamo essere noiosi e ripetitivi, ritornando a scrivere su questo argomento. Ma resta lo sconcerto su come si evolvono nel tempo certe situazioni a Castel Volturno. L’unica cosa che abbiano notato di nuovo, in questi luoghi della memoria della cittadina rivierasca, al di là della “degradante” desolazione, è lo stato delle recinzioni del largo San Castrese.

    I nastri di sicurezza con cui fu “nastrato” il centro antico sotto la gestione commissariale Crudo, sono stati strappati dagli agenti atmosferici e presentano ormai i segni del tempo.

    E’ evidente che questa storia si è impaludata, in quanto ci sono delle ragioni economiche, politiche e culturali particolarmente gravi,  che prossimamente ritorneremo ad affrontare dal punto di vista giornalistico, visti i silenzi e l’indifferenza che si percepiscono sul territorio su questo problema. Casertace, ha bisogno solo di un documento, per sviluppare di nuovo la sua inchiesta: l’atto con cui venne autorizzata l’installazione delle transenne e delle impalcature che da più di 5 anni fanno bella mostra intorno al “mandracchio” castellano.

    Max Ive

     

    PUBBLICATO IL: 30 ottobre 2012 ALLE ORE 19:40