Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    Agg. 14.44 – I NOMI, IL VIDEO – CASERTA – TRUFFA E FALSO, AI DOMICILIARI FUNZIONARIO DEL COMUNE DI CASERTA PER I TERRENI DEL CIMITERO, COINVOLTI NOTI IMPRENDITORI. La Procura vince la partita in Cassazione


    A 3 anni dalla prima richiesta di arresto si chiude il cerchio di una lunga partita procedurale sulle motivazioni cautelari. Il 26 settembre scorso i giudici della Cassazione hanno respinto l’ultimo ricorso dei tre indagati. Operazione dei carabinieri della Compagnia del capoluogo al comando del capitano Romano, nell’ambito di un’indagine della Procura della Repubblica di […]

    Nella foto Natale e Macrino

    A 3 anni dalla prima richiesta di arresto si chiude il cerchio di una lunga partita procedurale sulle motivazioni cautelari. Il 26 settembre scorso i giudici della Cassazione hanno respinto l’ultimo ricorso dei tre indagati. Operazione dei carabinieri della Compagnia del capoluogo al comando del capitano Romano, nell’ambito di un’indagine della Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere

    CLICCA QUI PER LEGGERE IL COMUNICATO STAMPA DELLA PROCURA

    Agg.9.51 - Sono finiti nuovamente nei guai per l’ormai nota vicenda di quello che è stato un vero e proprio scippo dei terreni di proprietà di famiglie casertane all’interno del cimitero: L’ex dirigente del Cimitero del Comune di Caserta Carmine Macrino, di Teano, che l’allora sindaco Falco volle fortemente al timone della struttura di via Cappuccini, strappandolo ad un’incerta carriera politica che stava provando a mettere in piedi proprio a Teano all’interno del Cdu. Come capitato nell’operazione di alcuni mesi fa, l’ordinanza di custodia cautelare anche per il presunto braccio armato di Macrino, l’imprenditore casertano Fiorillo, colui che materialmente effettuava i lavori delle nuove cappelle sui terreni che dopo una lettera veloce e capziosa venivano tolti ai legittimi proprietari.

    Il terzo destinatario dell’ordinanza è il casagiovese Filippo Della Peruta.

    L'elenco dei 18 indagati 
    Nicola Notaristefano, 44 anni, residente a Castel Morrone; Giovanni Antonucci, 52 anni, residente a Caserta; Alfredo Fiorillo, di 55 anni, residente a Casagiove; Massimiliano Fiorillo, di 27 anni, residente a Casagiove Michele Ferraro (posizione stralciata in quanto deceduto) Filippo Della Peruta, di 62 anni, residente a Casagiove; Pietro Fiorillo, di 28 anni, residente a Caserta; Elia Rubino, di 61 anni, residente a Caserta; Antonio Di Giacomo, di 52 anni, residente a Caserta; Vincenzo Porfidia, di 53 anni, residente a Caserta; Luigi Torromacco, di 53 anni, residente a Caserta; Nicola Letizia, di 58 anni, residente a Caserta; Angelo Ponticelli, di 55 anni, residente a Caivano; Carmine Macrino, di 64 anni, residente a Teano; Roberto Vardaro, di 71 anni, residente a Caserta; Vittorio Palladino, di 52 anni, residente a Caserta; Annunziata Lallo, di 49 anni, residente a Caserta; Giovanni Natale, di 51 anni, residente a Caserta; Giuseppe Salzillo, di 50 anni, residente a Marcianise.
    
    

    CASERTA – I Carabinieri della Compagnia di Caserta stanno dando esecuzione ad un ordinanza di custodia cautelare, emessa su richiesta della Procura di Santa Maria Capua Vetere, nei confronti di 3 indagati ritenuti responsabili di associazione per delinquere finalizzata alla truffa e falsità materiale commessa da pubblico ufficiale in atti pubblici. L’attività di indagine ha consentito di disarticolare un vero e proprio sodalizio criminale formato anche da pubblici funzionari del Comune di Caserta ed imprenditori che, in maniera fraudolenta curavano tutte le fasi della compravendita, a privati cittadini, di suoli sui quali erigere cappelle gentilizie per i defunti, all’interno del cimitero di Caserta.

    Ad oggi oltre 50 i casi scoperti per un volume d’affari che si aggira oltre 1 milione di euro.

    PUBBLICATO IL: 3 ottobre 2013 ALLE ORE 14:58