Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    CASERTA – “Report” sulla Sanità casertana, Oliviero del PSE: “Non si investe da almeno 10 anni. Ci vuole una riforma seria”


    Sala gremita per l’incontro sulla Sanità casertana all’Hotel Europa di Caserta. Presenti sindacati e politici. Assenti  all’appuntamento i vertici delle ASL casertane di Walter De Rosa CASERTA- Si è tenuta ieri sera, al Hotel Europa di via Roma, la conferenza organizzata dal PSE sul tema della Sanità casertana, con riferimenti e confronti con il contesto […]

    Sala gremita per l’incontro sulla Sanità casertana all’Hotel Europa di Caserta. Presenti sindacati e politici. Assenti  all’appuntamento i vertici delle ASL casertane

    di

    Walter De Rosa

    CASERTA- Si è tenuta ieri sera, al Hotel Europa di via Roma, la conferenza organizzata dal PSE sul tema della Sanità casertana, con riferimenti e confronti con il contesto regionale campano.

    A moderare i lavori la nota giornalista “TELE LUNA ” Francesca Nardi. Numerosi gli ospiti dell’incontro che hanno preso parola.

    Maria De Marco, segretario CGIL:” Bisogna garantire livelli di egualitari di assistenza sanitaria in tutto il territorio. È necessario richiamare i vertici al confronto“.

    Achille Germano dell’ A.L.U.: “Il diritto alla salute è un diritto inviolabile e fondamentale. Se viene minato, viene leso un diritto primario. La provincia di Caserta non deve essere l’ultima ruota del carro”

    L’intervento sicuramente piu’ atteso è stato quello di Gennaro Oliviero, consigliere regionale PSE (autore di un “report” sulla Sanità, uno studio certosino e dettagliato ostentato al pubblico presente in sala) : “Nella provincia di Caserta, il cittadino è spesso costretto ad uscire dalla nostra regione per le prestazioni sanitarie, soprattutto per quelle oncologiche per cui si scelgono mete come Milano. Noi riceviamo forniture da cittadine come Venafro. Nella sanità casertana non si investe da almeno 10 anni. Il diritto alla salute nella nostra provincia è archiviato. Aziende ospedaliere come Sant’Anna e San Sebastiano riescono a coprire solo pochi distretti. C’è bisogno di una riforma della Sanità regionale, una riforma seria e concreta che possa risolvere ogni criticità”

     

    PUBBLICATO IL: 21 dicembre 2013 ALLE ORE 12:35