Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    CASERTA – Polizia e vigili del fuoco di Caserta in piazza contro i tagli del Governo


      CASERTA – Poliziotti e vigili del fuoco sono scesi in piazza con le bandiere dei sindacati questa mattina a Caserta come in tutta Italia per protestare contro i tagli previsti per il prossimo anno, in particolare contro il blocco del turn-over e la proroga per il quarto anno consecutivo del blocco del tetto salariale […]

     

    CASERTA – Poliziotti e vigili del fuoco sono scesi in piazza con le bandiere dei sindacati questa mattina a Caserta come in tutta Italia per protestare contro i tagli previsti per il prossimo anno, in particolare contro il blocco del turn-over e la proroga per il quarto anno consecutivo del blocco del tetto salariale e la riduzione degli straordinari.

    I lavoratori, impegnati quotidianamente sia nel contrasto alla camorra che in quello all’illegalità ambientale, hanno organizzato un presidio fuori dalla Prefettura. “La Questura di Caserta sarà fortemente penalizzata con minori risorse che rispetto al 2012 potrebbero aggirarsi intorno all’80% – spiega Raffaele Persico, segretario provinciale del sindacato Silp-Cgil – eppure i tagli vanno avanti da anni; addirittura sono in pagamento in questo periodo gli straordinari del 2012“.

    Tagli che si ripercuoteranno anche sull’utilizzo dei mezzi a disposizione della Questura, comprese le auto confiscate ai clan camorristici. “Ormai i fondi per aggiustarle sono ridottissimi, così spesso restano inutilizzabili” continua Raffaele Persico.

    Il parco auto della Questura è lo stesso da anni, con auto che in media hanno 200mila chilometri – aggiunge Franco Cammarano, segretario della Uil Polizia – e se una vettura si ferma per problemi meccanici, il più delle volte resta in garage perchè non ci sono i soldi per ripararla“.

    Sarà il controllo del territorio a soffrirne fortemente visto che già ora la polizia è in gravissima difficoltà – afferma Claudio Trematerra, segretario provinciale del Coisp – basta pensare che la notte circola una sola volante nel capoluogo Caserta“.

    Eppure i militari inviati nel Casertano costano molto di più allo Stato che, sprecando meno risorse, potrebbe aumentare gli organici di Questura e Commissariato realizzando un efficace controllo territoriale” riflette Nicola Zini, segretario del Siulp, cui non va giù il fatto che “l’indennità per il progetto ‘Strade Sicure’, per i quali sono stati stanziati 40 milioni per i primi sei mesi del 2014, sia prevista solo per i soldati e non anche per gli appartenenti alle forze di polizia“. Al presidio hanno preso parte anche i rappresentanti dei sindacati Siap, Sap e Ugl.

    PUBBLICATO IL: 19 novembre 2013 ALLE ORE 13:31