Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    CASERTA – Mozzarella di bufala, al via “l’Operazione Trasparenza”


        L’operazione è stata fortemente voluta dal Consorzio di Tutela della Mozzarella di Bufala Campana Dop, che coinvolge le associazioni dei consumatori     CASERTA – Al via “l’operazione trasparenza” fortemente voluta dal Consorzio di Tutela della Mozzarella di Bufala Campana Dop che coinvolge le associazioni dei consumatori. Queste ultime, in particolare Federconsumatori, Unione […]

     

     

    L’operazione è stata fortemente voluta dal Consorzio di Tutela della Mozzarella di Bufala Campana Dop, che coinvolge le associazioni dei consumatori

     

     

    CASERTA – Al via “l’operazione trasparenza” fortemente voluta dal Consorzio di Tutela della Mozzarella di Bufala Campana Dop che coinvolge le associazioni dei consumatori. Queste ultime, in particolare Federconsumatori, Unione Nazionale dei consumatori, Codici e Adusbef, potranno effettuare, sulla base di un protocollo d’intesa firmato mercoledi’, prelievi random (casuali) dei prodotti con marchio dop che verranno poi analizzati presso un laboratorio tedesco (il Tuv Sud Gmbh di Siegen).

    L’obiettivo – spiega Antonio Lucisano – e’ di dimostrare l’assoluta salubrita’ delle nostre mozzarelle. La nostra e’ una sorta di sfida che si basa sulla certezza del lavoro capillare di controllo che svolgiamo tutti i giorni a tutela della qualita’ dei nostri prodotti e, di conseguenza, della salute dei cittadini. La verita’ e’ che la Terra dei Fuochi esiste, e nessuno vuole negarlo, ma i suoi effetti non toccano minimamente i prodotti dei territori circostanti mentre qui si sta asfaltando l’agricoltura dell’intera regione campana che invece continua a produrre straordinarie eccellenze”. Principi portanti del protocollo sono l’autonomia, la trasparenza e l’onestà”.

    Per noi va benissimo cosi’ – ha sottolineato il presidente del Consorzio Domenico Raimondo – ed e’ un piacere lavorare con delle realta’ come le associazioni a tutela dei consumatori che rappresentano un trait d’union necessario tra il mondo della produzione e quello del consumo. Il nostro primo referente era e rimane il consumatore” conclude Raimondo.

    PUBBLICATO IL: 15 novembre 2013 ALLE ORE 18:20