Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    Caserta / Incendio studentesco al liceo Diaz. Tutte le scuse sono buone e noi citiamo Elio e le storie tese


      L’episodio si è verificato stamattina. Aspettiamo che la valenza di queste alte rivendicazioni pervada a tal punto la vita di questi studenti da indurli a dedicare qualche sabato pomeriggio o domenica alle loro manifestazioni.     Caserta - Non sappiamo se si è trattato di un dispetto o della reazione di qualche studente al […]

    Nella foto, l’uscita del Liceo Diaz di Caserta

     

    L’episodio si è verificato stamattina. Aspettiamo che la valenza di queste alte rivendicazioni pervada a tal punto la vita di questi studenti da indurli a dedicare qualche sabato pomeriggio o domenica alle loro manifestazioni.

     

     

    Caserta - Non sappiamo se si è trattato di un dispetto o della reazione di qualche studente al tentativo fallito di occupare il liceo scientifico Diaz, storico istituto, dove tra gli altri si è anche diplomato Roberto Saviano.

    Gli studenti aderenti all’Uds, circa un’ottantina, a fronte di una gran parte degli altri studenti del Diaz, dissociatisi, non sono riusciti, stamane ad occupare il plesso scolastico, in quanto molti alunni hanno preferito entrare in classe per far lezione. A questo punto gli studenti scioperanti hanno occupato la palestra, dove qualcuno di loro ha appiccato il fuoco ad un casco che nella combustione ha dato origine ad un piccolo incendio che si è esteso anche ad alcuni giubbotti di proprietà degli studenti.

    A quel punto fuggi fuggi generale e occupazione fallita. Naturalmente, tutto questo trambusto, che ritualmente segna e condiziona lo svolgimento delle attività scolastiche, ogni benedetto anno, almeno fino a Natale, avrebbe ben altra credibilità, se le loro manifestazioni, gli studenti le facessero non solo nei giorni feriali, durante l’orario scolastico, ma per esempio anche il sabato pomeriggio o la domenica, dimostrando di essere veramente collegati alla causa ideologica e non al surrettizio filone scolastico.

    Ma il sabato e la domenica si fa vacanza, ci sono le partite e i centri commerciali. E come scriveva e cantava Elio con le sue storie tese, “Il commando non ci sta e allo stadio se ne va“. (CLICCA QUI PER ASCOLTARE E VEDERE IL VIDEO)

     

    PUBBLICATO IL: 27 novembre 2012 ALLE ORE 19:05