Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    Caserta / Gli operai di don Cristoforo Coppola finiscono in mutande e bloccano viale Lamberti. I commercianti incassano 0, si arrabbiano e scrivono un esposto a sindaco e prefetto


    Altissima tensione anche stamattina, giovedì, nell’area dell’ex Saint Gobain, in quella che rischia di trasformarsi, in questi tempi di crisi tagliente, una sorta di guerra tra poveri Caserta - Rischia di diventare una sorta di guerra tra poveri, che mette gli uni contro gli altri armati, un gruppo di lavoratori, che non riceve uno stipendio […]

    Altissima tensione anche stamattina, giovedì, nell’area dell’ex Saint Gobain, in quella che rischia di trasformarsi, in questi tempi di crisi tagliente, una sorta di guerra tra poveri

    Caserta - Rischia di diventare una sorta di guerra tra poveri, che mette gli uni contro gli altri armati, un gruppo di lavoratori, che non riceve uno stipendio da una vita a commercianti che stanno soffrendo le pene dell’inferno in un buco recessivo, che ha ridotto i consumi come  mai era successo in Italia, dalla seconda guerra mondiale in poi.

    Gli operai sono quelli della Tecnocampus, l’impresa ormai decotta della famiglia Coppola. Famiglia che, da un lato, annuncia in inglese, su un sito specializzato, che il porto di Castel Volturno aprirà nel 2013 (sì, col binocolo!) dall’altro spedisce decine e decine di suoi dipendenti in mezzo ad una strada.

    Meglio sarebbe dire li spedisce in mezzo a viale Lamberti, una volta parte integrante del lunghissimo e complessissimo viale Lincoln, oggi, parte integrante dell’area degli uffici della ex Saint Gobain.

    Stamattina, i dipendenti Tecnocampus hanno bloccato tutto e i commercianti non hanno potuto nemmeno far scaricare la loro merce.

    Inutile dire che la giornata per loro si è tradotta in un disastro a ricavo zero.

    Per questo motivo hanno deciso di scrivere un esposto al sindaco di Caserta, al prefetto e alla Tecnocampus, lamentando quello che ritengono la lesione di un loro diritto. Beninteso, sono solidali con gli operai, ma l’invitano a non colpire altri soggetti deboli.

    G.G.

    CLICCA QUI PER LEGGERE IL TESTO INTEGRALE E LE FIRME DELL’ESPOSTO DEI COMMERCIANTI DI VIALE LAMBERTI

    PUBBLICATO IL: 15 novembre 2012 ALLE ORE 19:01