Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    CASERTA – Droga nel Rione Cappiello, nel Bronx e nei giardini della Reggia, manette per il pusher minorenne già arrestato lo scorso 3 giugno


      Operazione dei Carabinieri della Compagnia di Caserta CASERTA - Lo scroso 3 giugno i Carabinieri della Compagnia di Caserta, eseguivano un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 23 soggetti ritenuti responsabili di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. L’indagine consentì di  individuare l’esistenza di 5 distinte piazze di spaccio situate, una nei […]

     

    Operazione dei Carabinieri della Compagnia di Caserta

    CASERTA - Lo scroso 3 giugno i Carabinieri della Compagnia di Caserta, eseguivano un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 23 soggetti ritenuti responsabili
    di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. L’indagine consentì di  individuare l’esistenza di 5 distinte piazze di spaccio situate, una nei giardini ad est
    della Reggia di Caserta e le rimanenti quattro in altrettanti rioni popolari della città,  permettendo l’arresto, in flagranza di 21 persone, per spaccio di sostanze stupefacenti,
    nonché di procedere al sequestro di 15 kg di stupefacente di vario genere. (CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO) (CLICCA QUI PER LEGGERE IL II ARTICOLO)

    Tra le persone all’epoca indagate, vie era anche un minorenne, anch’egli responsabile di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti, per la cui posizione, venne interessato il  Tribunale dei minorenni di Napoli.

    Nella giornata di ieri, mercoledì, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della  Compagnia di Caserta, hanno arrestato, proprio in esecuzione di un’Ordinanza di  Custodia Cautelare emessa dal Tribunale, il ragazzo, L. S.,  di Caserta.

    Infatti il G.I.P. del Tribunale dei minorenni di Napoli, concordando pienamente con le risultanze dell’attività investigativa già condotta dal citato Nucleo Operativo e
    Radiomobile e sopra ricordata, emetteva l’ordinanza di custodia cautelare in parola, confermando in questo modo le responsabilità, nell’attività di spaccio predetta, che come
    già detto, all’ epoca dei fatti era minorenne.

     

    PUBBLICATO IL: 19 febbraio 2014 ALLE ORE 11:19