Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    AGG. 10,40 IL VIDEO CASERTA. LO SCANDALO DELLE PATENTI FACILI: 11 medici evadono 2 milioni di euro. 95mila certificati


    Le Fiamme Gialle hanno accertato che nell’85% dei casi esaminati, a fronte della prestazione sanitaria rese, non veniva rilasciata alcuna fattura o ricevuta fiscale da parte dei professionisti

    Finanza

     

     

     

    AGG. 10,40 –  Le verifiche fiscali effettuate dalla Guardia di Finanza sono state 18, 11 delle quali nei confronti di medici della provincia di Caserta. Le restanti hanno invece interessato professionisti del basso Lazio.

    La rosa di nomi è emersa nell’ambito di un minuzioso controllo, effettuato dalle Fiamme Gialle di Mondragone, su tutti i certificati medici rilasciati a corredo delle pratiche di conseguimento e rinnovo delle patenti di guida nel triennio 2008-2011.

    Nell’analisi delle circa 95mila pratiche acquisite dalla Motorizzazione Civile della Provincia di Caserta, i militari hanno constatato il ciclico riproporsi del nome degli stessi professionisti, 18 in tutto, che sono stati  invitati ad esibire copia della documentazione fiscale relativa ai compensi ricevuti per le visite mediche effettuate, da presentare entro 15 giorni dalla convocazione.

    Gli 11 medici casertani hanno esibito, ciascuno, poche centinaia di ricevute a fronte delle migliaia loro richieste: il verbale di contestazione per il risarcimento del danno arrecato all’erario, che ammonta a circa 2 milioni di euro totali, è stato loro elevato tempestivamente.

     

     

     

    CASERTA – Una complessa ed articolata attività di polizia tributaria, eseguita dai militari della Guardia di Finanza di Mondragone, ha consentito di accertare una vasta e diffusa evasione fiscale posta sistematicamente in essere da alcuni medici preposti al rilascio dei certificati richiesti dalla loro clientela per il conseguimento o il rinnovo delle patenti di guida.

     

    L’operazione di servizio, condotta dalle Fiamme Gialle attraverso l’esecuzione di 11 verifiche fiscali, ha reso possibile il recupero a tassazione di compensi non dichiarati dai professionisti del settore operanti nella Provincia di Caserta per circa 2.000.000,00 di euro, nonché di oltre 92.000,00 euro di imposta regionale sulle attività produttive.

     

    I Finanzieri hanno proceduto ad effettuare una estesa attività di ricerca documentale di tutti i certificati medici rilasciati dai dottori della Provincia di Caserta nel periodo dal 2008 al 2011, acquisendo presso la Motorizzazione Civile della citata Provincia quelli presentati a corredo della pratiche relative al rilascio delle patenti e presso l’Ufficio Centrale Operativo di Roma quelli inerenti ai rinnovi delle abilitazioni di guida.

     

    Una volta in possesso della certificazione sanitaria, i militari hanno convocato i professionisti interessati, invitandoli ad esibire copia della documentazione fiscale relativa ai compensi ricevuti a fronte delle visite mediche effettuate.

     

    Il meticoloso riscontro di oltre 94.000 posizioni ha consentito ai Finanzieri di accertare che oltre all’85% dei casi, a fronte della prestazione sanitaria rese, non veniva rilasciata alcuna fattura e/o ricevuta fiscale da parte dei professionisti, arrecando un notevole danno alle casse dell’erario.

     

    L’operazione di servizio svolta costituisce un’ulteriore testimonianza del costante presidio economico-finanziario esercitato dalla Guardia di Finanza di Caserta sul territorio della Provincia per il contrasto all’evasione fiscale.

     

    Guardia di Finanza

     

    PUBBLICATO IL: 6 marzo 2014 ALLE ORE 10:02