Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    CASAL DI PRINCIPE LA PIANURA DEI VELENI – Ecco perché Pasquale Martinelli fece due ordinanze che vietavano l’uso dei pozzi. L’arpac disse: “Ci sono sostanze pericolose”


    La notizia pubblicata, stamattina, sabato sulla Gazzetta di Caserta a cura della collega Marilena Natale CASAL DI PRINCIPE - Prosegue il lavoro di inchiesta della Gazzetta di Caserta che anche oggi, a cura della collega Marilena Natale, racconta un fatto interessante su tutto quello che si è consumato e non si è consumato intorno alla […]

    La notizia pubblicata, stamattina, sabato sulla Gazzetta di Caserta a cura della collega Marilena Natale

    CASAL DI PRINCIPE - Prosegue il lavoro di inchiesta della Gazzetta di Caserta che anche oggi, a cura della collega Marilena Natale, racconta un fatto interessante su tutto quello che si è consumato e non si è consumato intorno alla questione dell’inquinamento delle falde acquifere di Casal di Principe, contaminate, molto probabilmente, dai rifiuti sotterrati dalla camorra.

    Nel 2011, l’allora sindaco Pasquale Martinelli, firmo 2 ordinanze con cui proibiva l’uso dei pozzi. Questo avveniva per effetto di una dichiarazione formale e ufficiale dell’Arpac che aveva, nelle sue analisi trovato tracce di tetracloroetilene; triclorometano; alluminio; ferro e piombo

    Un documento dell’Arpac non è stato mai reso noto, fino adesso, ai cittadini, al punto che le ordinanze sono finite nel dimenticatoio

    PUBBLICATO IL: 21 settembre 2013 ALLE ORE 16:35