Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    CASAL DI PRINCIPE. Ammazzarono il giovane Di Caterino per un complimento ad una ragazza. La pena degli aguzzini va ricalcolata


    Questo ha deciso ieri, martedì, la corte di Cassazione. I due rumeni erano stati condannati, uno all'ergastolo e un altro a 25 anni

    Raffaele Di Caterino1
    CASAL DI PRINCIPE – La sentenza pronunciata ieri, dai giudici della Corte di Cassazione ai danni dei due rumeni Bobo e Bruno Seydovic non può soddisfare la legittima sete di giustizia dei genitori del 23enne Raffaele Di Caterino, ucciso per aver fatto un complimento ad una ragazza. Gli ermellini di piazza Cavour, pur confermando la colpevolezza dei due, hanno infatti rispedito le carte processuali alla corte di Appello di Napoli, perchè vengano ricalcolate le pene. Dunque, potrebbe capitare che a Bobo Seydovic venga tolto l’ergastolo e a Bruno Seydovic si veda ridotti i 25 anni inflitti nel processo di appello.

    PUBBLICATO IL: 5 marzo 2014 ALLE ORE 9:06