Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    CANCELLO ED ARNONE Nel clima politico stemperato la proposta di Manzo: “Usare i soldi del progetto non ammesso dalla Regione per aiutare le famiglie indigenti”


    Il consigliere di minoranza: “Se la maggioranza deciderà di non fare ricorso lo proporrò, il prima possibile, con un’istanza al Consiglio comunale” CANCELLO ED ARNONE – Gli strali che minoranza e opposizione si scagliavano nell’immediato periodo post elettorale, col passar del tempo, si stanno accomodando, sommessamente, nel dimenticatoio dei cittadini: Cancello ed Arnone, in sostanza, […]

    Nella foto Manzo, il municipio di Cancello ed Arnone ed Emerito

    Il consigliere di minoranza: “Se la maggioranza deciderà di non fare ricorso lo proporrò, il prima possibile, con un’istanza al Consiglio comunale”

    CANCELLO ED ARNONE – Gli strali che minoranza e opposizione si scagliavano nell’immediato periodo post elettorale, col passar del tempo, si stanno accomodando, sommessamente, nel dimenticatoio dei cittadini: Cancello ed Arnone, in sostanza, già da un’ po’ si è avviata verso l’agognata e più produttiva tregua politica. Se questo trend positivo, pacificatorio, però, è palpabile, il merito va anche al cambio comportamentale che qualche protagonista della scena governativa, sociale e oppositoria ha adottato.

    Si cerca, in pratica, di attuare una gestione amministrativa da un lato e  di controllo dall’altro basata non su tediose e sterili invettive ma su contenuti e proposte che cercano di risolvere le criticità del territorio.

    Sia chiaro, la nostra non è una visione accecata dal rosa, dal senso e dalla pretesa di pace tout court, ma è l’oggettiva e palese  costatazione di una dialettica più sana. Questo non esclude clamorose smentite che il futuro imminente potrebbe infliggerci…

    Clemente Manzo, consigliere di opposizione, per esempio, è tra quelli che ha proseguito la sua azione di controllore, affidatagli dai propri elettori, decidendo, tuttavia, di smarcarsi, celermente, dalla politica dell’anti.

    Questa volta la sua attività oppositoria procede affrontando un argomento che, la scorsa settimana, ha tenuto banco nelle piazze e sui giornali: ci riferiamo ai molti progetti presentati dagli enti locali per la ristrutturazione delle scuole e non ammessi dalla Regione. “Visto che quella pianificazione non è stata accettata – ha spiegato Manzo, – qualora il comune decida di non attuare ricorso, propongo con un’istanza alla maggioranza di utilizzare quei soldi, destinati inizialmente alla formazione del piano, per aiutare le famiglie indigenti. Sarebbe opportuno – ha proseguito il consigliere – effettuare una preventiva analisi sociale, capire veramente, dati alla mano, chi vive in difficoltà, per poi devolvere a chi realmente ne ha bisogno piccole somme capaci di alleviare ai più deboli  i problemi della quotidianità. In pratica, la  mia – ha concluso Manzo – è una proposta semplicissima : destinare quella voce di bilancio alle fasce deboli.”

    Giuseppe Tallino

    PUBBLICATO IL: 22 ottobre 2013 ALLE ORE 10:57