Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    CANCELLO ED ARNONE / Conflitto a fuoco tra carabinieri e banditi – Militare dell’Arma ora, indagato per omicidio colposo


        Per la Procura: “Un atto dovuto”.  Nei prossimi giorni saranno eseguite le perizie tecniche. I colpi esplosi dall’uomo della Benermerita sono stati cinque, alcuni sparati in aria e altri in direzione delle ruote della vettura dei malfattori. Uno è stato quello mortale.   CANCELLO ED ARNONE - E’ indagato per omicidio colposo il […]

    Nella foto, via Roma a Cancello ed Arnone

     

     

    Per la Procura: “Un atto dovuto”.  Nei prossimi giorni saranno eseguite le perizie tecniche. I colpi esplosi dall’uomo della Benermerita sono stati cinque, alcuni sparati in aria e altri in direzione delle ruote della vettura dei malfattori. Uno è stato quello mortale.

     

    CANCELLO ED ARNONE - E’ indagato per omicidio colposo il carabiniere a capo della pattuglia radiomobile della compagnia di Casal di Principe che ha ucciso con la pistola d’ordinanza, durante il servizio, un rumeno di 43 anni sorpreso a rubare nel negozio di telefonia mobile di via Roma a  Cancello ed Arnone. “Un atto dovuto da parte della procura“, spiegano i carabinieri del comando provinciale di Caserta che sulla vicenda mantengono il piu’ stretto riserbo. Non e’ stato fornito, infatti, il nome della persona deceduta. La salma della vittima in queste ore sara’ trasportata dalla clinica Pineta Grande di Castel Volturno al reparto di Medicina Legale di Caserta dove nei prossimi giorni verra’ eseguita l’autopsia.

    I colpi esplosi dal militare che ha reagito al tamponamento della gazzella da parte dei ladri, sarebbero piu’ di cinque, sparati in aria e in direzione dei pneumatici della vettura guidata da uno dei quattro componenti della banda. Un unico colpo e’ stato quello mortale per il rumeno. La pistola d’ordinanza del militare, indagato in stato di liberta’, e’ stata sequestrata e nei prossimi giorni saranno eseguite delle perizie tecniche volte a stabilire il numero e l’arco temporale dell’esplosione dei proiettili sparati. Sul posto, questa notte, e’ intervenuta per prima il pm di turno alla procura di Santa Maria Capua Vetere, Stefania D’Amodio che ha coordinato le indagini con la collega Gerardina Cozzolino. Secondo la ricostruzione fornita dai carabinieri, l’allarme di un furto in atto e’ stato lanciato poco dopo l’una di questa notte quando una telefonata giunta alla compagnia di Casal di Principe annunciava che delle persone a volto coperto si stavano introducendo in un negozio di elettronica vicino ad una sala giochi, a quell’ora ancora aperta. Giunti sul posto   i militari hanno sorpreso i quattro, armati di un fucile, che tentavano di scappare. In pochi attimi si e’ consumata la tragedia. E’ ricercato un componente della banda, mentre gli altri due sono stati fermati.

    PUBBLICATO IL: 6 marzo 2013 ALLE ORE 20:05