Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    CAMORRA – Stanati in un appartamento di Orta di Atella il boss Ciccarelli e la sua donna


      Operazione congiunta della squadra mobile di Caserta con la sua sezione di Casal di Principe e della questura di Roma  CASERTA –  Nel pomeriggio di ieri, in Orta di Atella, il personale delle Squadre Mobili di Roma e di Caserta e della Sezione Distaccata di Casal di Principe, in uno stabile di via Armando […]

    Nelle foto da sinistra: Domenico Ciccarelli e Giovanna Natale

     

    Operazione congiunta della squadra mobile di Caserta con la sua sezione di Casal di Principe e della questura di Roma 

    CASERTA –  Nel pomeriggio di ieri, in Orta di Atella, il personale delle Squadre Mobili di Roma e di Caserta e della Sezione Distaccata di Casal di Principe, in uno stabile di via Armando Diaz, ha arrestato il pregiudicato Domenico Ciccarelli, 41enne di Napoli, in quanto colpito da un Ordine di Esecuzione per la Carcerazione, emesso dalla Procura Generale presso la Corte di Appello di Napoli, dovendo espiare la pena residua di anni 3 e giorni 13 di reclusione per il reato di associazione mafiosa.

    L’uomo si era dato alla latitanza nell’aprile 2013, immediatamente prima della emissione del provvedimento restrittivo, ed a poche settimane dalla sua scarcerazione, avendo appena terminato di espiare una precedente condanna a 14 anni di reclusione per reati associativi. L’uomo è ritenuto esponente apicale del clan Ciccarelli – Russo, egemone a Caivano, in passato protagonista di una sanguinosa faida con l’avversa organizzazione dei Natale – Marino, per il controllo delle piazze di spaccio nel comprensorio ed in particolare nel “P.co Verde” di quel comune.

    Inoltre, Ciccarelli è suocero di Raffaele dell’Annunziata, napoletano di 24 anni, latitante, destinatario di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dall’Uff. GIP presso il Tribunale di Roma per concorso nell’omicidio di Modestino Pellino, pregiudicato, sorvegliato speciale della P.S., con obbligo di soggiorno nel comune di Nettuno in provincia di Roma, ritenuto affiliato al clan camorristico dei Moccia di Afragola, assassinato a colpi d’arma da fuoco nel comune laziale il 24.07.2012.

    Nel corso dell’operazione che ha condotto alla cattura del citato Cicaarelli, è stata arrestata in flagranza di reato, per favoreggiamento personale e procurata inosservanza di pena, delitti aggravati ex art. 7 L. 203/91, Giovanna Natale, nata a Napoli 28 anni fa, domiciliata a Giugliano, incensurata, la quale è stata sorpresa all’uscita dello stabile dove aveva trovato rifugio il citato Domenico Ciccarelli. Al termine delle formalità di rito, gli arrestati sono stati associati, rispettivamente alla Casa Circondariale N.C. di S. Maria Capua Vetere ed alla Casa Circondariale femminile di Pozzuoli.

    PUBBLICATO IL: 9 gennaio 2014 ALLE ORE 7:45