Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    CAMORRA – Sequestro da mille miliardi di vecchie lire al clan Mallardo. Sotto chiave anche il Giardino degli Dei di Villaggio Coppola


      La struttura già fu attenzionata un anno fa dagli agenti del commissariato locale. Oggi la Guardia di Finanza di Roma è tornata alla carica. Ecco l’elenco di tutti i beni sequestrati   CASTEL VOLTURNO - I finanzieri del Nucleo di polizia tributaria di Roma hanno eseguito un’operazione caratterizzata da una serie di sequestri, tra […]

    Nella foto, il complesso turistico il Giardino Degli Dei di Castel Volturno

     

    La struttura già fu attenzionata un anno fa dagli agenti del commissariato locale. Oggi la Guardia di Finanza di Roma è tornata alla carica. Ecco l’elenco di tutti i beni sequestrati

     

    CASTEL VOLTURNO - I finanzieri del Nucleo di polizia tributaria di Roma hanno eseguito un’operazione caratterizzata da una serie di sequestri, tra Lazio, Campania ed Emilia Romagna, agli appartenenti al clan camorrista Mallardo, di beni mobili ed immobili – tra cui alberghi, ristoranti, concessionari di auto e oltre 170 immobili – per un valore complessivo superiore ai 65 milioni di euro. L’operazione definita “Bad brothers” ha consentito di mettere sotto chiave due grandi complessi turistici campani, il Giardino degli Dei a Castel Volturno e l’Holidays Giugliano.

    Nel provvedimento anche le concessionarie New Auto 1 di Pozzuoli e Imperial Car di Fondi oltre a complessi residenziali in costruzione tra Fondi, Latina e Bologna. In dettaglio, il sequestro – disposto dalla Sezione misure di prevenzione del tribunale di Latina (presidente Pierfrancesco De Angelis) – ha riguardato: il patrimonio aziendale e relativi beni di 11 societa’, con sede nella provincia di Latina, Napoli, Caserta e Bologna, di cui tre operanti nel settore delle costruzioni di edifici, una nel commercio di porcellana, due nel commercio di autoveicoli, due nel settore dell’intermediazione immobiliare e tre nel settore alberghiero e della ristorazione; quote societarie di ulteriori 4 societa’, con sede nella provincia di Napoli, Ferrara e Bologna, di cui tre operanti nel settore della costruzione di edifici e una nell’intermediazione immobiliare; 174 unita’ immobiliari (tra Latina, Napoli, Caserta, Ferrara e Bologna); 25 tra auto e moto, tra cui 3 vetture d’epoca; numerosi rapporti bancari, postali, assicurativi e azioni.

    Per quanto concerne il complesso il Giardino degli Dei, proprio un anno fa, il commissariato di polizia di Castel Volturno, diretto dal vicequestore aggiunto Della Cioppa eseguì il sequestro dell’intera struttura.

     

    L’OPERAZIONE DEL COMMISSARIATO DI POLIZIA E DELLA SQUADRA ANTICRIMINE DI UN ANNO FA – la Squadra Anticrimine del Commissariato della Polizia di Stato di Castel Volturno, diretto dal Vice Questore Aggiunto Dr. Davide Della Cioppa, un anno fa trassero in arresto, in flagranza di reato, i pregiudicati Antonio Maisto, di anni 37, residente in Giugliano in Campania, amministratore Unico della società “The Prestige S.r.l” proprietaria della struttura ricettiva alberghiera denominata “Il Giardino degli Dei” ubicato a Castel Volturno in Via Domitiana Km 35,400; Pasquale Maisto, di anni 54, gestore di fatto, residente anch’egli a Giugliano. Altri due compartecipi al sodalizio, F.G. e M.F., lavoranti in quella struttura, vennero deferiti in stato di libertà.
    Nei confronti dei predetti, la fattispecie di reato che fu ipotizzata dagli investigatori del Comm.to di Castel Volturno fu quella di associazione per delinquere finalizzata allo di sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione, di omessa compilazione di schede alloggiati con l’omissione della relativa annotazione delle stesse sull’apposito registro e avendo dato ospitalità a persona priva di documenti, così previsto dall’art 109 TULPS e succ. mod. e di quant’altro ravvisabile dall’A.G. a loro carico.
    A far scaturire l’operazione di p.g. furono le numerosi informazioni in possesso degli agenti del Commissariato di Castel Volturno riguardanti la gestione del fenomeno delle prostitute in particolare di nazionalità rumene sul territorio di Castel Volturno.

    PUBBLICATO IL: 19 giugno 2013 ALLE ORE 11:43