Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    Agg. 15.22 TUTTE LE FOTO E TUTTI I NOMI / ESCLUSIVA CAMORRA, RETATA CONTRO GLI AMATO DI S.MARIA C.V. / 41 ARRESTATI: C’E’ ANCHE NOTA AVVOCATESSA. TUTTA LA STORIA DEL CLAN NELLA NOTA DELLA DDA


    La professionista è Maria Rosaria Galli Della Loggia. Tra i destinatari anche il capo dei Bellagiò, Ferdinando Del Gaudio. Tentati omicidi, vendette per relazioni sentimentali, estorsioni, armi, rapporti con il clan Bifone. In questa ordinanza emerge lo spaccato di un clan che da 15 anni è presente e condiziona pesantemente la vita della città del […]

    Nelle foto, da sinistra, l’avvocatessa Galli Della Loggia, Massimo Giannetti e Rosa Amato

    La professionista è Maria Rosaria Galli Della Loggia. Tra i destinatari anche il capo dei Bellagiò, Ferdinando Del Gaudio. Tentati omicidi, vendette per relazioni sentimentali, estorsioni, armi, rapporti con il clan Bifone. In questa ordinanza emerge lo spaccato di un clan che da 15 anni è presente e condiziona pesantemente la vita della città del Foro

    Da sinista, Rosa Amato,il boss Salvatore Amato e la sua compagna Emilia Maio. In passato sono stati coinvolti in diverse ordinanze

    TUTTI I NOMI -13.21

    1. AMATO Giuseppe cl.1952, pregiudicato, residente in Santa Maria C.V., fratello del capo clan ed in atto sottoposto all’obbligo di presentazione presso questo Comando;

    2. AMATO ROSA (nota con il nome di “Rossana”) cl.1986, residente in San Prisco (CE), pregiudicata ed in atto sottoposto all’obbligo di presentazione presso questo Comando ;

    3. BARBATO GIUSEPPE (noto con il nome di “Pesciolino”) cl.1967, domiciliato in Fontana Rosa (AV), pregiudicato; cugino dell’attuale consigliere comunale de I Sammaritani Giuseppe Barbato, quest’ultimo di professione pescivendolo

    4. BARRACANO Giovanni, cl.1962, domiciliato in Santa Maria C.V.,pregiudicato;

    5. BUONPANE Angela cl.1989, residente a Santa Maria C.V.;

    6. CAPPIELLO Antonio (noto con il nome di “O’ Russ”) cl.1082, residente in Castel Morrone (CE), pregiudicato;

    7. CECERE Francesco (noto con il nome di “Franchin a’Belva”), cl.1956, ex consigliere comunale di Santa Maria Capua Vetere ed in atto sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari per altra causa;

    8. CECERE Stefano, cl.1982, residente in S. Maria C. V. (CE);

    9. CIPULLO Anna, cl.1970, residente in San Tammaro (CE);

    10. CONSOLAZIO Gabriele, cl.1984, residente in Santa Maria C.V., pregiudicato;

    11. DI MONACO Francesco (noto con il nome di “O’ Fringuello”) cl.1982, residente a Santa Maria Capua Vetere, pregiudicato, in atto detenuto presso il carcere di Bellizzi Irpino (AV);

    12. DI MONACO Giovanbattista cl.1980, residente in Santa Maria Capua Vetere, pregiudicato;

    13. ERRICO Vincenza, cl.1989, residente in Santa Maria Capua Vetere;

    14. FAVA Armando, cl.1985, residente a Santa Maria Capua Vetere, pregiudicato;

    15. FAVA Debora, cl.1983, residente in Santa Maria Capua Vetere;

    16. FAVA Pasquale, cl.1979, residente in Santa Maria Capua Vetere, pregiudicato;

    17. GALLI DELLA LOGGIA Mariarosaria cl.1976, residente in Santa Maria C.V.;

    18. GIANNETTI Massimo, cl.1967, residente in Santa Maria Capua Vetere, pregiudicato;

    19. HASBAJRAMI Fatos, (noto con il nome di “Andrea”) cl.1984, residente in S.Maria C.V., pregiudicato, in atto detenuto presso il carcere di Carinola (CE);

    20. HASBAJRAMI Vilson, (noto con il soprannome di “Soni”) cl.1988 domiciliato in Santa Maria C.V., pregiudicato, in atto detenuto presso il carcere di Benevento;

    21. IORIO Franco (inteso Jolly), cl.1978, residente a Santa Maria Capua Vetere, pregiudicato;

    22. MAIO Simmaco cl.1969, residente a Santa Maria Capua Vetere;

    23. MONACO Antonio, cl.1966, residente a Santa Maria C.V., pregiudicato, in atto detenuto presso il carcere di Secondigliano (NA);

    24. NAPPA Raffaele, cl.1980, residente in Santa Maria Capua Vetere, pregiudicato ed in atto sottoposto all’obbligo di presentazione presso questo Comando;

    25. NEDELCU Ananie, (noto con il nome di “Alessandro il Magro”) cl.1985, di fatto domiciliato in S. Maria C.V., pregiudicato, ed in atto sottoposto all’obbligo di presentazione presso questo Comando e sottoposto anche alla sorveglianza speciale con obbligo di dimora nel comune di Santa Maria Capua Vetere (CE);

    26. NOCERA Roberta cl.1987, di fatto domiciliata in Casapulla (CE);

    27. PAOLELLA Giovanni, (noto con il nome di “O’tabù’”), cl.1979 residente in Santa Maria Capua Vetere, pregiudicato, ed in atto sottoposto all’obbligo di presentazione presso questo Comando e sottoposto alla sorveglianza speciale con obbligo di dimora di Santa Maria Capua Vetere (CE);

    28. PERNA Francesco cl.1975, residente a Santa Maria Capua Vetere, pregiudicato, in atto detenuto presso il carcere di Salerno;

    29. PETRULLO Domenico cl.1985 e residente in San Tammaro (CE);

    30. PETRULLO Pasquale (noto con il nome di “Pasquale di San Tammaro”) cl.1987, residente in San Tammaro (CE);

    31. RUSSO Ernesto, cl.1985, residente in Macerata Campania (CE);

    32. RUSSO Pasquale (noto con il nome di “Cap e’ Cavall”), cl.1954, residente a Santa Maria Capua Vetere, pregiudicato;

    33. RUSSO Pasquale (noto con il nome di “Pasquale di Caturano”), cl.1982, residente in San Prisco (CE), pregiudicato;

    34. SORBO Marilena, cl.1987, residente in Santa Maria Capua Vetere;

    35. STELLATO ANTONIO (noto con il nome di “Calimero”) cl.1982, residente in Santa Maria C.V.;

    36. TROISE Vincenzo (noto con il nome di “Ninnone”), cl.1983, residente in Santa Maria capua Vetere;

    37. DEL GAUDIO Ferdinando cl.1971, pregiudicato, in atto detenuto presso il carcere di Lecce;

    38. LA MONICA Eleonora, cl. 1974, pregiudicata e residente in Isola Capo Rizzuto (KR).

    Aggiornamento 13.03 -

     

    Aggiornamento – 1021 –  Sei dei 41 destinatari del provvedimento restrittivo si trovavano gia’ in carcere. Tutti gli altri erano a piede libero. Tra i 41 indagati ci sono una decina di donne, di cui due ai domiciliari perche’ incinte, che si riferivano per le loro attivita’ illecite a Rosa Amato, figlia del capoclan Salvatore. La donna era stata gia’ arrestata nel 2010, assieme alla convivente del capoclan, e da pochi mesi libera con obbligo quotidiano di presentazione alla polizia giudiziaria. Nella stessa operazione sono stati arrestati anche Massimo Gianneti, diversi componenti della famiglia Fava, tra cui anche alcune donne e sequestrate armi da guerra nella disponibilita’ del cartello criminale egemone nella provincia di Caserta e dintorni. I carcere anche l’ex consigliere comunale Francesco Cecere, arrestato nel 2011 per voto scambio in cambio informazioni ai Casalesi sugli appalti comunali, ma assolto da questa accusa dal gup Andrea Ronza; nonche’ un avvocatessa civilista, Maria Rosaria Galli Della Loggia perche’ avrebbe prodotto attestazioni false nel 2009 per provare la non presenza di alcuni esponenti della famiglia Amato durante una rissa con un’altro nucleo familiare in un quartiere popolare.

    SANTA MARIA CAPUA VETERE –  All’alba di oggi i Carabinieri della Compagnia di Santa Maria Capua Vetere hanno eseguito nelle province di Caserta, Crotone, Avellino, Lecce, Benevento e Salerno, una vasta operazione finalizzata a disarticolare gli affiliati ancora liberi del clan “Amato” egemone nella città del Foro.

    L’attività d’indagine, condotta dai militari dell’Aliquota Operativa della Compagnia Carabinieri di Santa Maria Capua Vetere coordinati dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli, ha portato all’esecuzione di 41 ordinanze di custodia cautelare in carcere nei confronti di altrettante persone gravemente indiziate di partecipare ad un’organizzazione per delinquere di stampo mafioso che, per alimentare gli interessi del citato clan, hanno commesso negli ultimi anni vari e gravissimi reati quali due tentati omicidi,estorsioni, danneggiamenti, incendi dolosi, violenza e minaccia al fine di far commettere un reato, usura, falsità ideologica e materiale, favoreggiamento personale, illecita concorrenza con violenza e minaccia, truffa ai monopoli dello Stato, riciclaggio, ricettazione e detenzione e porto illecito di armi ed esplosivi.

    Le armi sequestrate nell’operazione. C’è anche una bomba a mano

     

    PUBBLICATO IL: 25 marzo 2013 ALLE ORE 8:49