Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    CAMORRA / Per la Capacchione anche i Casalesi investono miliardi su eolico e fotovoltaico


      La giornalista senatrice prende spunto dal maxi sequestro realizzato stamattina, all’alba in Sicilia ai danni di un imprenditore considerato una testa di legno del super boss Matteo Messina Denaro   CASERTA – Rosaria Capacchione non poteva lasciarsi sfuggire l’occasione per esprimere un suo autorevole commento su uno dei sequestri di beni della mafia siciliana […]

    Nelle foto, da sinistra, Rosaria Capacchione, Matteo Messina Denaro, Francesco Schiavone detto Sandokan

     

    La giornalista senatrice prende spunto dal maxi sequestro realizzato stamattina, all’alba in Sicilia ai danni di un imprenditore considerato una testa di legno del super boss Matteo Messina Denaro

     

    CASERTARosaria Capacchione non poteva lasciarsi sfuggire l’occasione per esprimere un suo autorevole commento su uno dei sequestri di beni della mafia siciliana più ingenti della storia. Ben più di un miliardo di euro per mettere sotto chiave l’enorme patrimonio aziendale, immobiliare, mobiliare di un ex elettricista di Alcamo, considerato dalla Dda siciliana il prestanome del boss Messina Denaro nel settore delle energie alternative.

    Ed è proprio su questo punto che la Capacchione ha voluto esprimere una sua sottolineatura. Questo settore è, infatti, tra i più remunerativi, anche perchè è stimolatissimo da cospicui finanziamenti di origine europea.

    Dunque, la giornalista-senatrice del Pd, ricorda, in questa occasione, che anche la Dda napoletana ha messo più volte in evidenza che anche la nostra camorra sta riciclando ingenti capitali nello stesso settore.

     

    QUI SOTTO IL TESTO INTEGRALE DELLA NOTA DELLA SENATRICE ROSARIA CAPACCHIONE

     

    La confisca di beni per oltre un miliardo di euro, operata dalla DIA, in danno di un imprenditore collegato al boss di Cosa Nostra Matteo Messina Denaro, che con le sue aziende era leader nel settore dell’energia eolica, segnala l’estrema attualità del pericolo di infiltrazioni criminali nel settore strategico delle energie verdi”. Lo dichiara l’On. Rosaria Capacchione, senatrice del Partito Democratico.


    “Si tratta di un pericolo segnalato di recente anche dalle indagini della Dda di Napoli e del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere a carico di persone vicine al clan dei Casalesi – prosegue la senatrice del Pd -. 
    Indagini sulle infiltrazioni nell’eolico da parte di soggetti contigui alla camorra sono in corso anche in Molise. Si impone, dunque, la massima attenzione investigativa e la più accorta vigilanza per impedire che la criminalità organizzata si appropri di aziende e know how fino a monopolizzare il comparto,“.

    PUBBLICATO IL: 3 aprile 2013 ALLE ORE 13:31