Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    CAMORRA / Pene ridotte in Appello per i ras di TEVEROLA, Rega, Di Martino e Pommella


        La decisione presa dalla 7ima sezione della Corte di Appello di Napoli. Erano accusati di aver chiesto estorsioni per conto del gruppo Schiavone   NAPOLI - La 7ima sezione della Corte di Appello di Napoli ha ridotto le pene inflitte in primo grado a Nicola Di Martino, Eduardo Rega, Giuseppe Pommella. I tre […]

     

    Nicola Di Martino e Giuseppe Pommella

     

    La decisione presa dalla 7ima sezione della Corte di Appello di Napoli. Erano accusati di aver chiesto estorsioni per conto del gruppo Schiavone

     

    NAPOLI - La 7ima sezione della Corte di Appello di Napoli ha ridotto le pene inflitte in primo grado a Nicola Di Martino, Eduardo Rega, Giuseppe Pommella.

    I tre imputati, tutti di Teverola e Casaluce, furono arrestati per una serie di estorsione a seguito di un fermo disposto dalla DDA a ferragosto del 2011.

    Gli arrestati, secondo le indagini agivano quali persone legate al gruppo Schiavone del clan dei Casalesi e responsabili di numerose estorsioni ed attentati dinamitardi nei confronti imprenditori e commercianti dell’agro aversano. Tra gli arrestati figurava colui il quale era ritenuto capozona del clan sul territorio di Teverola e Carinaro, Nicola Di Martino, 43 anni, di Teverola, alias “Nicola 23″,Eduardo Rega, 28 anni, di Teverola, Giuseppe Pommella, 57 anni, di Casaluce.

    In primo grado, a seguito di giudizio abbreviato, Di Martino fu condannato dal Gup del Tribunale di Napoli ad anni 7 e mesi 4, Rega a 6 anni, mentre Pommella a 4 anni e 6 mesi.

    La Corte di Appello ha accolto le richieste della difesa, di rideterminazione della pena.

    Per cui Di Martino, assistito dagli avvocati Emilio Martino e Mariangela Maietta, è stato condannato alle pena finale di anni 5 e mesi 9 e 10 giorni, Pomella, difeso dall’avvocato Enzo Guida, è stato condannato ad anni 2 mesi 11 e 10 giorni, Rega, difeso dall’avvocato Giovanni Cantelli, ad anni 5.

    Di Martino e Pommella erano già stati arrestati per la loro appartenenza al clan Picca di Teverola. Pommella era uscito dal carcere nel 2003, mentre Di Martino nel 2008 dopo aver scontato una condanna per estorsione aggravata e associazione a delinquere di stampo mafioso. Di Martino, una volta libero, aveva preso il posto del boss Picca e, riferiscono gli inquirenti, pretendeva per le festività (Natale, Pasqua, Ferragosto) l’importo secco di 1500 euro a testa fra i commercianti della zona, senza alcuna distinzione. Il procedimento che si è concluso in appello, oltre a basarsi sulle dichiarazioni di alcuni collaboratori di giustizia, aveva avuto l’apporto fondamentale anche di alcune persone offese vittime del reato.

    Per la cronaca Rega è un esponente del clan coinvolto anche nel vicenda degli spari contro la casa del sindaco Lusini

    PUBBLICATO IL: 15 marzo 2013 ALLE ORE 20:16