Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    CAMORRA / Omicidio sulla spiaggia di Raffaele Granata: 4 ergastoli e decine e decine di anni di carcere. TUTTI I NOMI


      LA SENTENZA Per l’efferato delitto del titolare del complesso balneare “La Fiorente, tra l’altro pade dell’allora sindaco di Calvizzano, il tribunale di Santa Maria ha inflitto dure condanne a Setola e al suo gruppo di fuoco. 12 anni e sei mesi al pentito Spagnuolo. Risarcimento danni per la famiglia pari a 300mila euro   […]

    Nelle foto, da sinistra, Raffaele Granata, Giuseppe Setola e Loran John Pelham

     

    LA SENTENZA Per l’efferato delitto del titolare del complesso balneare “La Fiorente, tra l’altro pade dell’allora sindaco di Calvizzano, il tribunale di Santa Maria ha inflitto dure condanne a Setola e al suo gruppo di fuoco. 12 anni e sei mesi al pentito Spagnuolo. Risarcimento danni per la famiglia pari a 300mila euro

     

    CASTEL VOLTURNO - Quattro ergastoli e una condanna al pagamento di 300 mila euro, in via provvisionale, di risarcimento danni ai familiari di Raffaele Granata, 70 anni, padre dell’ex sindaco di Calvizzano, comune dei Napoletano, gestore del lido La Fiorente di Varcaturo, ucciso dal gruppo di fuoco dell’ala stragista del clan dei Casalesi l’11 luglio del 2008. Questa la condanna emessa questo pomeriggio dai giudici della corte di Assise del tribunale di Santa Maria Capua Vetere – presidente Maria Alaja, a latere Eleonora Pacchiarini – nei confronti dei mandanti e degli esecutori materiali dell’omicidio consumato sul lido La Fiorente in pieno giorno, davanti a bambini e clienti del lido.

    Dalle dichiarazioni del pentito Biagio Di Lanno era stato ricostruito che il vero obiettivo dei killer era Massimo Granata, figlio di Raffaele, che non accontento’ la richiesta estorsiva del gruppo camorristico. Oggi, i giudici hanno condannato al carcere a vita il killer Giuseppe Setola detto O’Cecato, Alessandro Cirillo, Giovanni Letizia e Carlo Di Raffaele (quest’ultimo avrebbe fatto da specchiettista nella fase organizzativa dell’omicidio). Condanna a 28 anni di carcere, invece, e’ stata emessa nei confronti di Ferdinando Russo, mentre per l’italoamericano John Perham Loran la pena e’ di 5 anni di reclusione. Questi ultimi due hanno ascoltato la sentenza in aula, dietro le sbarre. Condannato a 12 anni e 6 mesi per l’omicidio di Granata anche il collaboratore di giustizia Oreste Spagnuolo. I giudici hanno riconosciuto un risarcimento provvisionale di 50mila euro all’associazione antiracket Fai che si era costituita parte civile nel processo. In aula erano presenti i familiari della vittima che al termine dell’udienza hanno salutato il pm della Dda di Napoli, Cersare Sirignano e non hanno, pero’, voluto salutare gli avvocati difensori degli assistiti, in segno di protesta.

    Nelle foto, il lido la Fiorente nel giorno del delitto e Alessandro Cirillo

    PUBBLICATO IL: 22 febbraio 2013 ALLE ORE 17:58