Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    CAMORRA Minacce alla Capacchione, a Saviano e a Cantone, cambia il collegio dei giudici nel processo Santonastaso


      Adesso a Santa Maria Capua Vetere si attende il verdetto di primo grado a carico del noto penalista SANTA MARIA CAPUA VETERE - Cambia il collegio di giudici del tribunale di Santa Maria Capua Vetere che emettera’ il verdetto di primo grado nei confronti della avvocato penalista Michele Santonastaso, ex difensore del boss dei Casalesi Francesco […]

    Nelle foto, nel riquadro, l’avvocato Michele Santonastaso. Sullo sfondo il tribunale sammaritano

     

    Adesso a Santa Maria Capua Vetere si attende il verdetto di primo grado a carico del noto penalista

    SANTA MARIA CAPUA VETERE - Cambia il collegio di giudici del tribunale di Santa Maria Capua Vetere che emettera’ il verdetto di primo grado nei confronti della avvocato penalista Michele Santonastaso, ex difensore del boss dei Casalesi Francesco Bidognetti. L’avvocato, noto aver letto nel 2008 in una aula della corte di Appello di Napoli dove si stava celebrando il processo Spartacus I una lettera del boss e del latitante Antonio Iovine, contenente minacce per la giornalista Rosaria Capacchione, il magistrato Raffaele Cantone e lo scrittore Roberto Saviano.

    Dopo la decisione di mercoledi’ scorso della corte di Appello di Napoli di accogliere la richiesta di ricusazione del giudice Francesca Auriemma del collegio A della prima sezione penale presieduto da Orazio Rossi, il processo passa al collegio presieduto da Flora Mazzaro, a latere Francesco Balato e Bendetta De Risi. A deciderlo e’ stata la presidenza del tribunale di Santa Maria. Auriemma era stata ricusata perche’ era una componente anche del collegio presieduto da Raffaello Magi che condanno’ nel 2011 per favoreggiamento l’altro avvocato di Bidognetti, Carmine D’Aniello. Nella motivazione della sentenza, estensore Magi, erano state riportate delle considerazioni riferite al presunto ruolo svolto dalla avvocato Santonastato per conto del clan, anche se in quel processo non era imputato. Da cio’ incompatibilita’ di Ariemma a giudicare Santonastaso, detenuto dal 2010 nel carcere di Secondigliano. Il processo e’ a meta’ý della trattazione, dunque gli atti passeranno ai nuovi giudici che dovranno studiare tutte le dichiarazioni dei collaboratori di giustizia rese nel corso delle udienze.

    PUBBLICATO IL: 19 luglio 2013 ALLE ORE 15:00