Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    Camorra, l'allarme dei Servizi Segreti: il clan dei Casalesi non è morto, è potente e può colpire


      Parole chiare, quelle usate dagli 007 italiani nel rapporto annuale presentato al Parlamento: “Le nuove leve sono più aggressive, benché prime di grandi capacità strategiche.   CASAL DI PRINCIPE - “La camorra casalese, nonostante le importanti e destabilizzanti attivita’ di contrasto, si conferma dotata di risorse umane, forza militare e capacita’ collusiva e di […]

     

    Parole chiare, quelle usate dagli 007 italiani nel rapporto annuale presentato al Parlamento: “Le nuove leve sono più aggressive, benché prime di grandi capacità strategiche.

     

    CASAL DI PRINCIPE - “La camorra casalese, nonostante le importanti e destabilizzanti attivita’ di contrasto, si conferma dotata di risorse umane, forza militare e capacita’ collusiva e di condizionamento tali da assicurare la persistente operativita’ nelle aree di origine e in quelle di proiezione, tra cui Emilia Romagna, Toscana e basso Lazio”. E’ l’allarme lanciato dai servizi segreti nella relazione annuale al Parlamento. Proprio in queste ore e’ in corso un vasto blitz della polizia contro il clan campano.

    ”La carenza di leadership -e’ l’analisi del comparto intelligence- e i vuoti di potere determinatisi a seguito di arresti, condanne e omicidi appaiono favorire tale instabilita’, lasciando spazi all’ascesa di nuove leve aggressive ed ambiziose ma prive di capacita’ strategica”

    La camorra partenopea – scrivono gli 007 – piu’ in generale appare connotata “dalla crescente precarizzazione degli assetti clanici che, specie a Napoli nord, sta alimentando conflittualita’ violente per l’assunzione del controllo delle piazze di spaccio. La carenza di leadership e i vuoti di potere determinatisi a seguito di arresti, condanne e omicidi appaiono favorite tale instabilita’, lasciando spazi all’ascesa di nuove leve aggressive ed ambiziose ma priva di capacita’ strategica”

    PUBBLICATO IL: 28 febbraio 2013 ALLE ORE 10:00