Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    AGG 14.41 TUTTI I NOMI, IL VIDEO E LE FOTO – CAMORRA, gestivano il trasporto su gomma della frutta: 7 arresti a MONDRAGONE


    Operazione eseguita dai carabinieri di Mondragone. L indagine è stata coordinara dalla Dda di Napoli Agg. 14.37 - L’ordinanza di custodia cautelare e’ stata emessa dal Gip del Tribunale di Napoli dott Natale su richiesta del Pm. Dda dott Milita nei confronti di Giacomo Fragnoli  (già detenuto per altro nel carcere di Secondigliano ), Emilio  Boccolato (detto Zucculone, detenuto per […]

    Operazione eseguita dai carabinieri di Mondragone. L indagine è stata coordinara dalla Dda di Napoli
    Agg. 14.37 - L’ordinanza di custodia cautelare e’ stata emessa dal Gip del Tribunale di Napoli dott Natale su richiesta del Pm. Dda dott Milita nei confronti di Giacomo Fragnoli  (già detenuto per altro nel carcere di Secondigliano ), Emilio  Boccolato (detto Zucculone, detenuto per altro nel carcere di Spoleto ),  Giuseppe Vellucci (detto Bengasino),  Antonio Picone (neo collaboratore di giustizia), Michele Sorrentino  (alias Eduardo), Eduardo  Sorrentino  (dei Caccatoni),  Pasquale D’Angelo (detto Camposantaro). A carico degli indagati intercettazioni telefoniche e le dichiarazioni dei collaboratori Marciello Rosario e Picone Antonio. Tutti rispondono di partecipazione ad associazione mafiosa e monopolio mafioso nella commercializzazione dell’arto frutta

     MONDRAGONE - Nelle prime ore della mattinata odierna, nell’ambito di una articolata indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Napoli – Direzione Distrettuale Antimafia, i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Mondragone hanno eseguito 7 ordinanze applicative della custodia cautelare in carcere – provvedimenti emessi dal GIP presso il Tribunale di Napoli – per i delitti di associazione armata di tipo mafioso, finalizzata alla commissione dei delitti d’illecita concorrenza mediante minaccia e violenza, e di fittizia attribuzione di beni:  condotte aggravate dal metodo mafioso e dalla finalità di agevolare l’associazione mafiosa.

    L’attività investigativa – condotta con l’utilizzo di attività tecniche d’intercettazione telefonica e ambientale e fondata anche su dichiarazioni di collaboratori di giustizia – ha permesso di ricostruire l’intera vicenda, verificatasi fino a epoca recente nel territorio di Mondragone e riguardante lo specifico settore imprenditoriale del trasporto su gomma di generi ortofrutticoli.

    Sulla base delle investigazioni venivano ricostruiti i comportamenti e i meccanismi economico-criminali che hanno governato, e governano, il settore del trasporto su gomma. Si comprendeva, in particolare, il ruolo di rilievo della Trans Drago e del Consorzio, enti che, secondo l’ipotesi investigativa, mantenevano la finalità di schermo giuridico per garantire il monopolio di zona e i cui referenti agivano con violenza e minaccia nei confronti dei possibili concorrenti, in vista della realizzazione degli interessi della locale organizzazione camorristica.  

    Gli emissari del gruppo camorristico – anche con atti intimidatori e violenti, anche con l’utilizzo di armi – operavano per impedire che autotrasportatori non autorizzati avessero diretti rapporti commerciali con le locali aziende ortofrutticole. Veniva, inoltre, imposto agli autotrasportatori autorizzati a operare un sovrapprezzo, commisurato a singolo “bancale”, da versare all’Agenzia, denaro che veniva dirottato ai capi del gruppo camorristico mondragonese.

    Le indagini hanno permesso di accertare i ruoli – ricoperti da tre degli indagati – di promotori e organizzatori dell’associazione di stampo mafioso operante nel territorio di Mondragone e denominata “GAGLIARDI-FRAGNOLI”. Napoli, 6.10.2013  

    PUBBLICATO IL: 6 ottobre 2013 ALLE ORE 9:27