Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    CAMORRA E ONORANZE FUNEBRI A MONDRAGONE – "Esilio" per Pasquale La Torre


        Dopo le richieste di condanna formulate dal Pm, Maresca, su istanza degli avvocati Zannini e Raucci, il figlio di Aldo La Torre ottiene i domiciliari fuori regione   MONDRAGONE – Solo alcuni giorni fa avevamo pubblicato in esclusiva le richieste di condanna, pari a circa un secolo, per  alcuni esponenti del clan La Torre […]

    Nella foto da sinistra Michele Pagliaro, Aldo e Pasquale La Torre

     

     

    Dopo le richieste di condanna formulate dal Pm, Maresca, su istanza degli avvocati Zannini e Raucci, il figlio di Aldo La Torre ottiene i domiciliari fuori regione

     

    MONDRAGONE – Solo alcuni giorni fa avevamo pubblicato in esclusiva le richieste di condanna, pari a circa un secolo, per  alcuni esponenti del clan La Torre di Mondragone ( CLICCA QUI PER LEGGERLO), formulate dal Pubblico Ministero della Dda, Catello Maresca.

    Oggi, giovedì, però, nell’ambito della stessa vicenda giudiziaria va annotata la concessione dei domiciliari fuori regione a Pasquale La Torre.

    Il Gip del tribunale di Napoli dott. Lucarelli, infatti, ha accolto l’istanza degli avvocati Giovanni Zannini e Angelo Raucci, concedendo gli arresti domiciliari fuori regione, in favore di Pasquale La Torre, ininterrottamente detenuto dal mese di maggio 2011, quando assieme al padre Aldo La Torre già condannato con il 416 bis (associazione a delinquere di stampo camorristico) e a Roberto Pagliuca, ritenuto il reggente del clan dopo l’arresto dei Fragnoli, in quanto ritenuto responsabile di concorso della tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso in danno all’imprenditore Giancarlo Pagliaro di Mondragone.

    L’arresto fu frutto anche di una ipotesi investigativa di concorso del monopolio illecito della società Eden nel settore delle onoranze funebri che, secondo quanto sostengono gli inquirenti, con l’appoggio della camorra avrebbe monopolizzato il settore dei trasporti funebri nella città rivierasca.
    Per la stessa ipotesi di reato è stato arrestato anche l’imprenditore Michele Pagliaro.

    Max Ive

    PUBBLICATO IL: 17 gennaio 2013 ALLE ORE 18:16