Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    CAMORRA / Duplice omicidio del camionista di Trentola e del suo operaio. Ergastolo per Setola e Letizia


        La sentenza pronunciata dalla Corte di Assise del tribunale di Santa Maria Capua Vetere. Per il collaboratore di giustizia Guerra di San Marcellino condannato a 13 anni e mezzo   TRENTOLA DUCENTA  –  Due ergastoli, una condanna alla pena detentiva di 13 anni e 6 mesi e un risarcimento dei danni alle parti […]

    Nelle foto, da sinistra, Giovanni Letizia, Giuseppe Setola e Giuseppe Guerra

     

     

    La sentenza pronunciata dalla Corte di Assise del tribunale di Santa Maria Capua Vetere. Per il collaboratore di giustizia Guerra di San Marcellino condannato a 13 anni e mezzo

     

    TRENTOLA DUCENTA  –  Due ergastoli, una condanna alla pena detentiva di 13 anni e 6 mesi e un risarcimento dei danni alle parti civili di 300 mila euro. Questa la sentenza emessa dai giudici della corte di Assise del tribunale di Santa Maria Capua Vetere – presidente Maria Alaja – per l’omicidio dell’autotrasportatore Antonio Ciardullo, conosciuto come “Tonino” e del suo operaio, Ernesto Fabozzi, commesso a Trentola Ducenta il 12 settembre del 2008 dal gruppo dell’ala stragista del clan dei Casalesi. Al carcere a vita sono stati condannati il killer Giuseppe Setola detto O’Cecato e il suo fedelissimo Giovanni Letizia detto o’zuoppo. Quest’ultimo, durante la fase dibattimentale, aveva ammesso di aver partecipato al duplice omicidio.

    A 13 anni e sei mesi di reclusione, invece, e’ stato condannato il collaboratore di giustizia di San Marcellino Giuseppe Guerra, ex affiliato agli Schiavone dal 1991. Da lui, stando alla ricostruzione, si era recato nel 2008 Setola quando era fuggito da Pavia; il killer, per vendicare l’affronto di Ciardullo che dieci anni prima aveva denunciato e fatto condannare Guerra e i suoi accolti che gli avevano chiesto il pizzo per il clan, aveva ordinato al capozona di San Marcellino di fare da “specchietti sta” nella fase di preparazione del delitto. Cosi’, nel settembre di cinque anni fa, Setola e Letizia salirono sulla motocicletta Transalp e, dopo una breve sosta, si recarono nell’officina di Trentola Ducenta di Ciardullo. Giunti sul posto, spararono all’impazzata uccidendo i due che erano impegnati a riparare il motore di un tir. La pistola utilizzata da Setola era la stessa che aveva ucciso lo zio di un pentito, Stanislao Cantelli e il ragioniere dell’agenzie di trasporti funebri di Giugliano, Lorenzo Riccio. Ma era stata utilizzata anche per il tentato omicidio di Salvatore Orabona.

    Quattro i collaboratori di giustizia che durante il processo hanno inchiodato i sicari: oltre a Guerra hanno parlato Michele Barone, Francesco Diana e Oreste Spagnuolo. Quest’ultimo ha raccontato di aver scoperto che i due avevano commesso un fatto di sangue solo quando tornarono nel covo di Giugliano: “Ascoltando il tg Regionale della sera – aveva detto – Setola si era rammaricato di aver ucciso un innocente, un marocchino che si trovava li’ per caso”. Era, invece, Ernesto Fabozzi, appena tornato dalle ferie e, quindi, abbronzato. La sentenza di oggi accoglie in pieno le richieste avanzate dal pm della Dda di Napoli, Cesare Sirignano, che aveva guidato le indagini succesive al delitto e aveva poi chiesto una pena esemplare per i tre. Ora, il risarcimento del danno andra’ alle mogli e ai figli di Antonio Ciardullo ed Ernesto Fabozzi, vittime innocenti di camorra.

    PUBBLICATO IL: 19 aprile 2013 ALLE ORE 19:16