Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    Agg. 15.28 Esclusiva – CAMORRA a MONDRAGONE/ Aveva 15 chili di dinamite, Bamundo ottiene i domiciliari a 48 ore dal fermo eseguito dalla Finanza


    Emergono altri particolari della cattura del pluripregiudicato, di cui Casertace ha dato notizia, in esclusiva, giovedì Aggiornamento – 15.28 - Dopo 48 ore dal fermo richiesto dalla Dda di Napoli a carico di Vincenzo Bamundo, l’uomo catturato, giovedì a Mondragone, dagli uomini della Guardia di Finanza della locale Compagnia, e trovato in possesso di 15 […]

    Emergono altri particolari della cattura del pluripregiudicato, di cui Casertace ha dato notizia, in esclusiva, giovedì

    Aggiornamento – 15.28 - Dopo 48 ore dal fermo richiesto dalla Dda di Napoli a carico di Vincenzo Bamundo, l’uomo catturato, giovedì a Mondragone, dagli uomini della Guardia di Finanza della locale Compagnia, e trovato in possesso di 15 kg di esplosivo, il Gip, Perrella, al termine dell’udienza di convalida dell’arresto, ha concesso all’indagato mondragonese, gli domiciliari.

    Bamundo, difeso dall’avvocato Giovanni Zannini, quindi torna a casa, anche se sarà ovviamente sottoposto alla misura restrittiva dei domiciliari.

    M.I.

     

    MONDRAGONE – Emergono altri particolari dell’arresto di Vincenzo Bamundo, catturato a Mondragone con molti chili di esplosivo e di cui abbiamo scritto in esclusiva l’latro ieri, giovedì. Gli uomini della Guardia di Finanza di Mondragone hanno, infattti, sequestrato 15 Kg di polvere esplosiva dinamitarda

    Le indagini, coordinate dal Capo della Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli, Procuratore Aggiunto Federico Cafiero de Raho e dirette dal Sost. Proc. Dott. Giovanni Conzo, al termine di ripetute attività di appostamento, hanno consentito di individuare il luogo di custodia del materiale esplodente all’interno del quale al momento dell’intervento, è stato sorpreso il malvivente mentre maneggiava l’esplosivo.

    Alla vista dei militari BAMUNDO si è dato a precipitosa fuga, disseminando alcuni contenitori artigianali di polvere esplodente già confezionati. Lo stesso è stato immediatamente bloccato e posto nelle condizioni di non nuocere ulteriormente.

    Sono stati sequestrati altri diversi contenitori nonché attrezzature specifiche per la fabbricazione di ordigni, presumibilmente utilizzati anche per recenti attentati dinamitardi avvenuti nella zona a danno degli imprenditori vittime dei reati di usura e estorsione.

    Il materiale altamente pericoloso è stato già fatto brillare dagli artificieri immediatamente fatti intervenire.

    PUBBLICATO IL: 24 novembre 2012 ALLE ORE 16:10