Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    CAMORRA/ Anche case e immobili in Provincia di Caserta nel tesoro sequestrato al clan Vallefuoco


    Otto milioni di euro sono finiti sotto chiave, ad agire contro il clan egemone nella zona di Brusciano i Ros dei Carabinieri NAPOLI - Ci sono anche beni immobili e mobili, stanziati in provincia di Caserta tra quelli che sono stati sequestrati questa mattina dai carabinieri dei Ros. Si tratta di un totale di otto […]

    Otto milioni di euro sono finiti sotto chiave, ad agire contro il clan egemone nella zona di Brusciano i Ros dei Carabinieri

    NAPOLI - Ci sono anche beni immobili e mobili, stanziati in provincia di Caserta tra quelli che sono stati sequestrati questa mattina dai carabinieri dei Ros. Si tratta di un totale di otto milioni di euro quelli sequestrati su ordine della Dda del tribunale di Bologna. Beni localizzati anche nelle province di Napoli e Rimini. Si tratta di beni riconducibili al clan Vallefuoco originario di Brusciano, in provincia di Napoli, che aveva la sua base operativa sul litorale dell’Emilia Romagna. Nel dicembre scorso sempre i militari del Ros avevano arrestato 31 persone riconducibili allo stesso clan contestando l’associazione a delinquere di tipo mafioso. Gli inquirenti contestano al gruppo camorristico episodi di usura ed estorsione ai danni di piccoli imprenditori dell’Emilia Romagna. L’Operazione Vulcano, tra il febbraio 2011 e il dicembre 2012 – si legge in una nota dell’Arma – ha portato all’esecuzioni di 31 procedimenti cautelari personali per associazione mafiosa, tentato sequestro di persona, estorsione, usura e altro, aggravati dal metodo mafioso. Tra i beni sequestrati, viene specificato, rientrano una struttura ricettiva e una agenzia investigativa a Rimini; due societa’ di recupero crediti riconducibili al boss Francesco Vallefuoco, oltre a 11 immobili, 12 beni mobili, piu’ di 60 rapporti bancari e contratti assicurativi.

    PUBBLICATO IL: 5 aprile 2013 ALLE ORE 12:44