Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    CAMORRA A MONDRAGONE – Ridotti gli anni di carcere per 12 del clan Fragnoli Pagliuca: NOMI E PENE


      Oggi il verdetto della Corte di Appello di Napoli MONDRAGONE - Era attesa sin da venerdì 18 ottobre la sentenza a carico di 12 esponenti del clan Pagliuca Fragnoli. La Corte di Appello di Napoli, nell’ultima udienza decise di prendere tempo sulla decisione da assumere, a seguito delle arringhe degli avvocati difensori. Alla fine, stamane […]

    Luigi e Giacomo Fragnoli

     

    Oggi il verdetto della Corte di Appello di Napoli

    MONDRAGONE - Era attesa sin da venerdì 18 ottobre la sentenza a carico di 12 esponenti del clan Pagliuca Fragnoli. La Corte di Appello di Napoli, nell’ultima udienza decise di prendere tempo sulla decisione da assumere, a seguito delle arringhe degli avvocati difensori.

    Alla fine, stamane sempre la Corte di Appello di Napoli ha sciolto ogni riserva riducendo alcune pene per gli esponenti del clan nato dalle ceneri dei “La Torre”:

    Riconosciuta la continuazione per i fratelli Fragnoli, per Palmieri e Martino. Per tutti gli altri ridotta di un terzo la condanna inferta rispetto al primo grado:

    Fragnoli Giacomo anni 15 mesi 8
    Fragnoli Luigi anni 13mesi 8
    Palmieri Salvatore anni 14 mesi 6
    Martino Alessandro anni
    11 mesi 4
    Sauchella Bruno anni 7 mesi 4
    Adinolfi Marcel anni 8 mesi 8
    Lungo Giovanni anni 8 mesi 8
    Guglielmo Antonio anni 7 mesi 4
    Di Ponio Domenico anni 6
    Russo Gildo anni 7 mesi 4
    Cavallo Fabio anni 7 mesi 4

    Tutti erano imputati del delitto di partecipazione ad associazione mafiosa, detenzione di armi e tentativi di estorsione. La vicenda giudiziaria è stata ricostruita anche grazie a  numerose intercettazioni ambientali (una cimice venne collocata nell’auto del capo clan Giacomo Fragnoli per ben 7 mesi) e a seguito delle esternazioni del collaboratore di giustizia  Emilio Pagliaro. Le indagini , al riguardo furono condotte dal Pubblico Ministero della DDA di Napoli Dott. Catello Maresca. Il Procuratore generale dell’udienza dott. Donato Ceglie chiese la conferma, al riguardo delle condanne irrogate in primo grado dal Gup dott. Nicola Miraglia del Giudice.

    Max Ive

    PUBBLICATO IL: 30 ottobre 2013 ALLE ORE 18:47