Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    CAMORRA A MONDRAGONE, monopolio mafioso delle pompe funebri, ai domiciliari il nipote di Augusto, Aldo La Torre


        La decisione assunta, oggi, da Gip Lucarelli a seguito dell’istanza presentata dall’avvocato Giovanni Zannini MONDRAGONE - Il Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Napoli, il dott. Lucarelli ha accolto la richiesta dell’avvocato Giovanni Zannini concedendo la misura degli arresti domiciliari a Aldo La Torre, pluripregiudicato di Mondragone (già condannato in quanto […]

     

    Nelle foto, da sinistra, Aldo La Torre

     

    La decisione assunta, oggi, da Gip Lucarelli a seguito dell’istanza presentata dall’avvocato Giovanni Zannini

    MONDRAGONE - Il Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Napoli, il dott. Lucarelli ha accolto la richiesta dell’avvocato Giovanni Zannini concedendo la misura degli arresti domiciliari a Aldo La Torre, pluripregiudicato di Mondragone (già condannato in quanto ritenuto quale stabile appartenente al sanguinario sodalizio capeggiato da suo nipote – oggi collaboratore di giustizia – Augusto La Torre con condotta, in quel caso, accertata fino al 2002).

    Aldo La Torre era stato nuovamente tratto in arresto circa un anno fa su richiesta del Pm della Dda, Catello Maresca, in quanto ritenuto responsabile del delitto di concorso nella tentata estorsione e nell’illecito monopolio della società Eden in danno dell’imprenditore concorrente Giancarlo Pagliaro di Mondragone.

    Aldo La Torre lo scorso 25 febbraio venne condannato per il delitto di illecito monopolio aggravato dal metodo mafioso alla pena di anni 4 di reclusione anche a causa della recidiva. Fu pronunciata, invece, sentenza di assoluzione per la più grave imputazione di tentata estorsione. L’indagine si è’ fondata sostanzialmente nell’attività di intercettazione  svolta dalla persona offesa dal reato, intercettazione che consentì anche l’arresto dell’allora reggente il clan Pagliuca Roberto attualmente detenuto presso il carcere di Asti.

    PUBBLICATO IL: 28 maggio 2013 ALLE ORE 19:59