Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    CAMORRA A MARCIANISE / Il pentito Buttone inguaia Salvatore Bizzarro: "Si incontrò con il boss Salvatore Belforte"


      Salvatore Bizzarro fece il pieno di preferenze alle elezioni 2006, candidato nella Margherita di Squeglia, in appoggio al centrosinistra di Fecondo. Ma fu uno dei maggiori protagonisti della congiura che portò alla caduta dello stesso Fecondo. Emergono i primi clamorosi particolari delle dichiarazioni rese dal neo collaboratore di giustizia: “Noi dei Mazzacane eravamo molto […]

    Nelle foto, da sinistra, Salvatore Bizzarro, Bruno Buttone e Salvatore Belforte

     

    Salvatore Bizzarro fece il pieno di preferenze alle elezioni 2006, candidato nella Margherita di Squeglia, in appoggio al centrosinistra di Fecondo. Ma fu uno dei maggiori protagonisti della congiura che portò alla caduta dello stesso Fecondo. Emergono i primi clamorosi particolari delle dichiarazioni rese dal neo collaboratore di giustizia: “Noi dei Mazzacane eravamo molto attenti agli esiti delle elezioni amministrative di Marcianise”

     

    MARCIANISE – Bruno Buttone, del cui pentimento Casertace vi ha dato notizia in esclusiva, farà il suo esordio, domani, venerdì, all’interno di un processo di Camorra. Sarà la sua prima testimonianza da collaboratore di giustizia.

    Ma cominciano già ad emergere le prime clamorose indiscrezioni relative al rapporto tra camorra e politica a Marcianise. Bruno Buttone, nei primi interrogatori resi alla Dda, ha detto senza mezzi termini che il super boss Salvatore Belforte era interessato all’esito delle elezioni amministrative di Marcianise.

    In un verbale, Buttone dichiara: “Raffaele Bellopede, alias o’ Professore, metteva a disposizione la sua abitazione  in via Monfalcone per incontri tra esponenti del nostro gruppo e l’imprenditore Salvatore Bizzarro… In un’occasione, nel 2006, ho assistito ad un colloquio tra Salvatore Bizzarro e Salvatore Belforte… e fui invitato a partecipare alla discussione, visto che avevo mantenuto i rapporti che Bizzarro aveva con il clan”.

    Poi sulla vicenda delle elezioni: “Raffaele Bellopede mise a disposizione l’abitazione di cui disponeva in zona 167 a Capodrise per un incontro con Salvatore Bizzarro. In quella occasione Salvatore Bizzarro mi regalò – dichiara testualmente Buttone nell’interrogatorio reso alla Dda – 20mila euro a titolo personale. In quella occasione, Bizzarro mi chiese l’appoggio per la sua elezione alle amministrative a Marcianise, cosa che noi gli garantimmo… Voglio riferire, che Bellopede mi disse che Bizzarro aveva fatto un analogo regalo, anche se di importo maggiore…”.

    Per la cronaca, nel 2006, Salvatore Bizzarro, patron del Marcianise Calcio, che portò fino alla C1, spopolò nella lista della Margherita con 512 preferenze personali. Va anche detto, però, che Salvatore Bizzarro fu uno dei maggiori protagonisti della caduta di Filippo Fecondo, avvenuta qualche anno dopo.

    PUBBLICATO IL: 21 febbraio 2013 ALLE ORE 10:35