Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    CAMORRA A MARCIANISE, il figlio del boss Belforte e soci fanno scena muta davanti al gip


    Sono accusati, a vario titolo,  di associazione per delinquere di stampo mafioso, detenzione e vendita di armi e materiale esplosivo, reati aggravati dalla finalità di essere stati commessi al fine di agevolare il clan Belforte MARCIANISE - Davanti al gip Iaselli, in occasione dell’interrogatorio di garanzia, Camillo Belforte, figlio del boss Salvatore, e Domenico Di […]

    Nella foto Camillo Belforte

    Sono accusati, a vario titolo,  di associazione per delinquere di stampo mafioso, detenzione e vendita di armi e materiale esplosivo, reati aggravati dalla finalità di essere stati commessi al fine di agevolare il clan Belforte

    MARCIANISE - Davanti al gip Iaselli, in occasione dell’interrogatorio di garanzia, Camillo Belforte, figlio del boss Salvatore, e Domenico Di Lillo, Gabriele Piccollo ed Agostino Ragozzino, tutti e quattro arrestati venerdì scorso dai militari dell’Arma di Marcianise non hanno parlato, decidendo, in sostanza, di fare scena muta.

     

    ADVERTISEMENT

    PUBBLICATO IL: 3 febbraio 2014 ALLE ORE 16:09