Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    TUTTI I NOMI E TUTTE LE FOTO CAMORRA A MADDALONI – Estorsioni a noto imprenditore di macchine industriali: 3 arresti. Nuova ordinanza per Lai


    Il 36enne era stato arrestato pochi giorni fa per la vicenda delle estorsioni alla consigliera comunale Teresa Cafarelli. Due soggetti identificati dai carabinieri della locale compagnia si trovano già reclusi a Secondigliano. L’altro era a piede libero.  AGG. 8.42 – Ecco i nomi degli indagati del reato di estorsione arrestati nell’operazione eseguita dai militari della Compagnia […]

    Nelle foto, da sinistra, Michele Lombardi, Vittorio Lai, Michele Madonna

    Il 36enne era stato arrestato pochi giorni fa per la vicenda delle estorsioni alla consigliera comunale Teresa Cafarelli. Due soggetti identificati dai carabinieri della locale compagnia si trovano già reclusi a Secondigliano. L’altro era a piede libero. 

    AGG. 8.42 – Ecco i nomi degli indagati del reato di estorsione arrestati nell’operazione eseguita dai militari della Compagnia di Maddaloni, al comando del Capitano Giuseppe Nardò:

    -        Michele Lombardi, di Maddaloni 31enne, pregiudicato;

    -       Vittorio Lai, 36enne, di Maddaloni, arrestato per le estorsioni a Teresa Cafarelli.

    -      Michele Madonna , 30enne, di maddaloni, pregiudicato, detenuto presso la casa circondariale di napoli Secondigliano.

    MADDALONI - Nella mattinata di oggi, mercoledì è stata data esecuzione a una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa, su richiesta della Procura di Napoli – Direzione Distrettuale Antimafia, dal GIP del Tribunale di Napoli nei confronti di 3 indagati appartenenti al “gruppo camorristico di Maddaloni”  affiliato al clan “Belforte”, operante nei comuni di Marcianise, Capodrise, San Marco Evangelista e San Nicola la Strada, ritenuti responsabili, a vario titolo, del reato di estorsione aggravata dal metodo mafioso.

    Le ordinanze di custodia cautelare, che discendono dalla attività investigativa diretta dai magistrati della DDA di Napoli e condotta dai militari del Comando Compagnia Carabinieri di Maddaloni, anche attraverso l’utilizzo di attività tecniche di intercettazione e l’acquisizione di immagini di un sistema di video sorveglianza, sono state eseguite a Maddaloni e presso le Case Circondariali di Napoli – Secondigliano e di Santa Maria Capua Vetere, dove due dei tre destinatari del provvedimento sono già reclusi per altra causa.

    Tali provvedimenti riguardano, in particolare, tre persone che, nel febbraio del 2012, in concorso tra loro, mediante violenza e minaccia messa in atto e avvalendosi delle condizioni di assoggettamento e omertà derivanti dall’appartenenza a sodalizio criminale, si facevano consegnare la somma contante di € 1.000,00 da un imprenditore del settore della compravendita di mezzi industriali di Maddaloni.

    PUBBLICATO IL: 3 luglio 2013 ALLE ORE 7:40