Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    CAMORRA A CASTEL VOLTURNO / Quando il vigile urbano disse al carabiniere infedele: “Dai falla cag…sotto alla dirigente Autieri”


        Dall’ordinanza che ha portato in carcere 11 persone, con altre 5 raggiunte dal provvedimento, mentre sono già in cella, emergono altri dettagli riguardo al servizio di Scuola Bus nella cittadina rivierasca CASTEL VOLTURNO - L’ex brigadiere dei carabinieri Carmine Confuorto, arrestato oggi nell’ambito dell’operazione “Titano 2″, si adopero’ per aiutare il coindagato Giuseppe […]

    Nella foto a sinistra, Giuseppe Massarini

     

     

    Dall’ordinanza che ha portato in carcere 11 persone, con altre 5 raggiunte dal provvedimento, mentre sono già in cella, emergono altri dettagli riguardo al servizio di Scuola Bus nella cittadina rivierasca

    CASTEL VOLTURNO - L’ex brigadiere dei carabinieri Carmine Confuorto, arrestato oggi nell’ambito dell’operazione “Titano 2″, si adopero’ per aiutare il coindagato Giuseppe Massarini a mettere da parte una ditta concorrente nel servizio di trasporti scolastici di Castel Volturno: emerge dall’ ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip Isabella Iaselli su richiesta dei pm Antonello Ardituro, Giovanni Conzo, Cesare Sirignano e Maurizio Giordano. Per estromettere la ditta concorrente dall’appalto, in particolare, il sottufficiale avrebbe fatto pressioni sul locale comando dei vigili urbani affinche’ i libretti degli scuolabus venissero controllati e sequestrati per presunte irregolarita’. Confuorto avrebbe inoltre convocato piu’ volte in Procura la dirigente comunale Filomena Autiero per ascoltarla come persona informata dei fatti a proposito dell’appalto: quei verbali tuttavia non si trovano piu’. Secondo l’accusa, sono stati fatti sparire dall’ex brigadiere perche’ probabilmente le domande rivolte alla dirigente erano intimidatorie.

    Di certo, sottolinea il gip, il giorno dopo la prima convocazione in Procura la Autiero revoco’ l’appalto all’ imprenditore rivale di Massarini per assegnarlo a quest’ultimo. La ricostruzione degli inquirenti si basa non solo su una serie di atti sequestrati, ma anche su alcune intercettazioni telefoniche. Parlando con Confuorto dei controlli pretestuosi fatti sugli scuolabus dei concorrenti di Massarini, un vigile urbano dice: “Noi abbiamo fatto tutto quello che dovevamo fare, anzi siamo andati anche oltre, abbiamo insistito abbiamo perseguitato, voglio dire pero’ poi giustamente poi le cose…”. Confuorto commenta: “Va bene ora vado a parlare io con quella (la dirigente comunale, ndr)… devo parlare solo con quella …devo parlare solo con quella Autieri, dai non esiste”. Il vigile concorda ed aggiunge: “Falla ca… sotto”

    PUBBLICATO IL: 12 aprile 2013 ALLE ORE 20:00