Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    CAMORRA A CASTEL VOLTURNO / Processo Ucciero, chiesta una condanna a 5 anni e 8 mesi per il titolare della Castellana


      Il Pm della Dda Giordano, oggi, in aula al termine della propria requisitoria ha formulato la propria richiesta a margine delle accuse esplicitate dai pentiti del clan dei Casalesi sulla gestione dei rifiuti sul litorale Domizio.   CASTEL VOLTURNO  - Si è conclusa 30 minuti fa, (sono le 16.00 mentre scriviamo), la requisitoria del […]

    L’azienda di Ludovico Ucciero

     

    Il Pm della Dda Giordano, oggi, in aula al termine della propria requisitoria ha formulato la propria richiesta a margine delle accuse esplicitate dai pentiti del clan dei Casalesi sulla gestione dei rifiuti sul litorale Domizio.

     

    CASTEL VOLTURNO  - Si è conclusa 30 minuti fa, (sono le 16.00 mentre scriviamo), la requisitoria del Pm della Dda, Maurizio Giordano, alla fine della quale è stata chiesta una condanna a 5 anni e 8 mesi di carcere ai danni dell’imprenditore di Castel Volturno, Ludovico Ucciero, accusato di concorso esterno in associazione a delinquere di stampo camorristico.

    Il titolare della Castellana – Natura Ambiente da mesi risulta coinvolto in un articolato processo nel quale sono state formulate, mediante le esternazioni dei pentiti del clan dei Casalesi, delle ipotesi accusatorie riguardanti appunto il pieno appoggio da parte del clan Bidognetti nella concessione e nell’ottenimento di appalti e affidamenti  di servizi per lo smaltimento dei fanghi trattati o per lo stoccaggio dei rifiuti durante il periodo dell’emergenza rifiuti tra il 2003 e il 2004.

    Dopo la carrellata di politici castellani e rappresentanti del Consorzio Rifiuti Ce4 che si sono succeduti nel processo in difesa di Ucciero, oggi, mercoledì, innanzi al giudice Rossi del tribunale di Santa Maria Capua Vetere, è stata richiesta la condanna a 5 anni e 8 mesi.

    Ora la parola passa alla difesa rappresentata dall’avvocato Nando Letizia che il prossimo 24 aprile dovrà controbattere alle tesi dell’accusa.

    Massimiliano Ive

    PUBBLICATO IL: 27 marzo 2013 ALLE ORE 16:24