Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    Avevano trasformato la clinica Villa Ortensia di Capua in un deposito della droga: 6 provvedimenti cautelari


      Sgominata dai carabinieri della stazione di San Prisco, coordinati dalla Compagnia e dalla Procura della Repubblica, una temibile organizzazione. Droga spacciata a chili a S. MARIA C.V., SAN PRISCO, CAPUA, PIGNATARO E VITULAZIO   SANTA MARIA CAPUA VETERE – Un’altra operazione importante che va a disarticolare una potente organizzazione che riforniva hashish ad un’ampio […]

     

    Nella foto, villa Ortensia. Nel riquadro Giuseppe Caianiello

    Sgominata dai carabinieri della stazione di San Prisco, coordinati dalla Compagnia e dalla Procura della Repubblica, una temibile organizzazione. Droga spacciata a chili a S. MARIA C.V., SAN PRISCO, CAPUA, PIGNATARO E VITULAZIO

     

    SANTA MARIA CAPUA VETERE – Un’altra operazione importante che va a disarticolare una potente organizzazione che riforniva hashish ad un’ampio territorio, comprendente i comuni di Santa Maria Capua Vetere, Casapulla, Capua, San Prisco, Vitulazio e Pignataro Maggiore.

    Stamattina, giovedì, i carabinieri della Compagnia di Santa Maria Capua Vetere, coordinati dalla Procura della Repubblica della città del Foro, hanno eseguito sei provvedimenti cautelari: un arresto e 5 obblighi di dimora con obbligo di permanenza in casa dalle 8 di sera alle 7 di mattina.

    Per tutti l’accusa di spaccio di sostanze stupefacenti.

    Indagini lunghe, iniziate nel 2009, che hanno consentito, mediante intercettazioni telefoniche, di individuare 27 spacciatori e 13 consumatori.

    Molto importante è stato il lavoro della stazione dei carabinieri di San Prisco, da cui le indagini hanno preso le mosse. A capo del gruppo un muratore 38enne di Mungano di Napoli, il quale lavorava presso la clinica Villa Ortensia di Capua, che aveva trasformato in un deposito per centinaia di panetti di hashish, che nelle conversazioni, gli spacciatore chiamavano mattonelle.

    QUESTI I NOMI DELLE SEI PERSONE RAGGIUNTE DA PROVVEDIMENTI CAUTELARI. IN CALCE ALL’ARTICOLO IL TESTO INTEGRALE DEL COMUNICATO STAMPA DELLA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI SANTA MARIA CAPUA VETERE

     

    1. Caianiello Giuseppe ci.’ 75 . residente Mugnano di Napoli, sottoposto agli arresti domiciliari;
    2. Ambrosino Pasquale ci.” 88, residente Bellona, sottoposto all’obbligo di dimora;
    3. Palumbo Gaetano ci.” 86. residente Pignataro Maggiore, sottoposto all’obbligo di dimora;
    4. Maretta Fabio ci.” 86, residente Casapulla. sottoposto all’obbligo di dimora;
    5. Urgo Patrick ci.’ 85, residente Capua. sottoposto all’obbligo di dimora;
    6. Zona Mario ci.” 81, residente Calvi Risorta, sottoposto all’obbligo di dimora

     

    CLICCA QUI PER LEGGERE IL COMUNICATO STAMPA DELLA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI SANTA MARIA CAPUA VETERE

     

    PUBBLICATO IL: 18 aprile 2013 ALLE ORE 12:59