Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    AVERSA Se i 10 dissidenti della maggioranza mantengono il punto, Sagliocco si salverebbe sul bilancio solo grazie ad un ribaltone


    Presumibilmente il sindaco darà il via all’azione di recupero di qualcuno con qualche prebendina e con qualche promessa. Rimanere primo cittadino grazie al voto di chi è stato delegato ad essere minoranza, costituirebbe una grave sconfitta politica AVERSA - I metodi che il sindaco Sagliocco sta utilizzando per l’amministrazione comunale ci conducono diritti all’idea che […]

    Nella foto Nobis, Lama e Della Valle

    Presumibilmente il sindaco darà il via all’azione di recupero di qualcuno con qualche prebendina e con qualche promessa. Rimanere primo cittadino grazie al voto di chi è stato delegato ad essere minoranza, costituirebbe una grave sconfitta politica

    AVERSA - I metodi che il sindaco Sagliocco sta utilizzando per l’amministrazione comunale ci conducono diritti all’idea che ben presto cominceranno contatti faccia a faccia con almeno 3 o 4 dei 10 consiglieri comunali della sua maggioranza divenuti dissidenti.

    Lo spazio, tutto sommato, il primo cittadino ce l’ha, dato che tra i 10 non esiste un patto di federazione e questo è dimostrato dal fatto che il dissenso rispetto alla conduzione amministrativa del sindaco è stato espresso con 4 documenti distinti che dicono, in linea di massima, la stessa cosa, ma che marcano anche una differenza rispetto alle diverse ani,e di questa fronda. C’è il comunicato dell’Udc, poi c’è il documento dei, a questo punto, ex di Noi Aversani Nobis e Galluccio; poi c’è il documento dei tre dissidenti, Dello Vicario, Michele Galluccio e Della Valle, infine ci0è la posizione di Imma Lama. E’ evidente che fino a quando non ci sarà una voce comune e un coordinamento delle azioni dei 10 consiglieri questa dissidenza presterà sempre il fianco ad un’azione di recupero da parte di Sagliocco a colpi di promesse e di prebende.

    La prospettiva del voto sul bilancio di previsione, di qui a 2 o 3 settimane, verificherà la tenuta di questi consiglieri sulle posizioni di contestazione. Stando così le cose, il bilancio passerebbe solo se qualcuno e il popolo aversano ha delegato rappresentarlo nella funzione di minoranza-opposizione, votasse si al bilancio. L’indiziato numero uno è Salvino Cella che dovrà, eventualmente, poi, a tutti coloro che hanno votato per lui anche e sopratutto, in dissenso alla candidatura di Sagliocco, perché è diventato l’elemento decisivo per tenere Sagliocco in sella.

    Se il bilancio di previsione passerà grazie ad un voto favorevole anche di un solo consigliere di opposizione, quest’operazione si chiamerà con un solo nome. Ribaltone.

    G.G.

    PUBBLICATO IL: 19 settembre 2013 ALLE ORE 17:24