Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    AVERSA – IL RETROSCENA ESCLUSIVO / EUREKA!!! ECCO IL MOTIVO DELLA ROTTURA TRA IL PDL E SAGLIOCCO: PASQUALE GIULIANO HA CHIESTO LA TESTA DELL’AVV. PIGNETTI


    Fu proprio il leader provinciale del PdL a volerlo nell’ufficio legale del Comune qualche anno fa. Oggi, il professionista, che si è schierato con Peppe Stabile alle ultime elezioni, è caduto in disgrazia e Giuliano vorrebbe sostituirlo con Alfonso Oliva AVERSA - Abbiamo cercato a lungo e alla fine abbiamo trovato. Abbiamo capito e compreso […]

    Fu proprio il leader provinciale del PdL a volerlo nell’ufficio legale del Comune qualche anno fa. Oggi, il professionista, che si è schierato con Peppe Stabile alle ultime elezioni, è caduto in disgrazia e Giuliano vorrebbe sostituirlo con Alfonso Oliva

    AVERSA - Abbiamo cercato a lungo e alla fine abbiamo trovato. Abbiamo capito e compreso i veri motivi della fronda dei consiglieri comunali del PdL di Aversa. Una fronda che rende meno sincera anche la posizione degli assessori comunali, i quali, in tutta onestà, non potevano non sapere.

    Il braccio di ferro riguarda la posizione, all’interno della struttura burocratica del Comune di Aversa, dell’ avv. Domenico Pignetti, che, a suo tempo, diventò, come scrivemmo noi di Casertace, il responsabile dell’ufficio legale del Comune, per volere diretto e chiaramente espresso di Pasquale Giuliano, che l’allora sindaco, Domenico Ciaramella, chiaramente recepì.

    Oggi, Pignetti è caduto in disgrazia. Giuliano, evidentemente, non ritiene che sia più all’altezza del compito che gli attribuì e vorrebbe che Sagliocco lo rimuovesse ipso facto. Ma Sagliocco, che è un uomo rispettoso delle procedure e difficilmente avvezzo alle purghe, ha deciso che per il momento l’operazione non si fa. Ha deciso che per il momento Pignetti, che alle ultime elezioni comunali non ha votato Giuliano, ma Peppe Stabile, resti al suo posto e non sia sostituito, come vorrebbe Giuliano, dall’ex assessore forzista Alfonso Oliva.

    Questa resistenza di Sagliocco ha determinato l’alzata di scudi del gruppo consiliare del PdL. Difficile pensare che la vicesindaco Nicla Virgilio, vicinissima alle posizioni di Pasquale Giuliano, non conoscesse nulla, così come ha sostenuto, della volontà dei consiglieri di non partecipare alla seduta  dedicata al voto sul riequilibrio di bilancio. Questa spinta del senatore ha trovato una convergenza anche nelle attuali pulsioni di Dello Vicario e degli altri 2 polveriniani, che con Sagliocco ce l’hanno per altri motivi, quelli del ricotta’s party.

    Questo è. Staremo a vedere.

    Gianluigi Guarino

    PUBBLICATO IL: 6 ottobre 2012 ALLE ORE 16:12