Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    RAPINA AL DISTRIBUTORE TAMOIL di CARINARO, cacciavite in pugno minaccia il benzinaio e scappa con 160 euro: preso il nipote del capoclan degli Autiero


      L’operazione compiuta dai carabinieri della Compagnia di Marcianise.  CARINARO - I carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Marcianise, hanno arrestato Angelo Bortone di 36 anni di Cesa. L’uomo, nella mattinata di oggi durante le operazioni di apertura del distributore Tamoil di Carinaro, armato di cacciavite si è avvicinato all’addetto alla distribuzione e dietro minaccia […]

    Nella foto Angelo Bortone

     

    L’operazione compiuta dai carabinieri della Compagnia di Marcianise. 

    CARINARO - I carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Marcianise, hanno arrestato Angelo Bortone di 36 anni di Cesa. L’uomo, nella mattinata di oggi durante le operazioni di apertura del distributore Tamoil di Carinaro, armato di cacciavite si è avvicinato all’addetto alla distribuzione e dietro minaccia si è fatto consegnare la somma di € 160.00 che in quel momento la vittima possedeva. Consumata la rapina Bortone è scappato a bordo di una VW Polo facendo perdere le sue tracce. I militari dell’Arma, immediatamente allertati dalla vittima mediante richiesta d’intervento al 112 che ha fornito il modello la targa parziale dell’auto si sono subito posti alla ricerca fuggitivo riuscendo, nonostante i pochi elementi a disposizione, a risalire alla identità del rapinatore .

    Tuttavia, le prime ricerche effettuate presso il domicilio ed il luogo di lavoro dello stesso hanno dato esito negativo. E’ stato dunque intensificato il piano coordinato di controllo del territorio che ha visto  impegnate numerose pattuglie lungo l’intero territorio della Compagnia di Marcianise con posti di blocco e di controllo sia sulla cittadina marcianisana che sul versante dell’agro-aversano. La pressione avvertita dal fuggitivo, che ad ogni angolo vedeva la presenza di una pattuglia dei carabinieri gli ha, però, giocato un brutto scherzo. Infatti l’uomo ha perso il controllo del veicolo uscendo fuori strada. Immediatamente soccorso ed accompagnato presso l’Ospedale Civile di Aversa gli sono state riscontrate lievi contusioni.

    Dimesso, è stato condotto in caserma dove è gli è stato contestato il reato di rapina. Sull’autovettura su cui viaggiava è stato trovato anche il cacciavite utilizzato per la rapina. Bortone è il nipote del capoclan camorristico Autiero, egemone nei territori di Gricignano e comuni limitrofi. Il 36enne è stato traferito presso la casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere. Il provvedimento odierno è stato conseguito grazie ad un piano di contrasto al fenomeno dei reati contro il patrimonio e la persona predisposto dal Comando Provinciale Carabinieri di Caserta ed attuato dalla Compagnia Carabinieri di Marcianise.

    PUBBLICATO IL: 18 gennaio 2014 ALLE ORE 15:15