Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    Asl Caserta nella bufera, il dirigente epurato Mascolo chiede di conoscere tutti i titoli dei mandarini d’oro di Menduni. Ne vedremo delle belle


      Potrebbe innescare un imprevedibile effetto domino la decisione di degradare sul campo, il titolare della gestione informatica, accorgendosi dopo 25 anni che non aveva i titoli Caserta - Scade il 5 novembre il termine entro il quale l’ASL CE deve rispondere obbligatoriamente, per non incorrere  nel reato di abuso di potere, alla richiesta di […]

    Nelle foto, paolo Manduni e la sede dell’Asl di Caserta

     

    Potrebbe innescare un imprevedibile effetto domino la decisione di degradare sul campo, il titolare della gestione informatica, accorgendosi dopo 25 anni che non aveva i titoli

    Caserta - Scade il 5 novembre il termine entro il quale l’ASL CE deve rispondere obbligatoriamente, per non incorrere  nel reato di abuso di potere, alla richiesta di accesso agli atti ai sensi della L. 241/90 (Legge sulla trasparenza degli atti amministrativi!!!) prodotta da Giuseppe Mascolo, declassato dopo 25 anni da dirigente a semplice dipendente amministrativo.
    Mascolo, insomma, chiede a Menduni di sapere quanti e quali sono i Dirigenti attuali dell’ASL che sono diventati tali a seguito di regolare concorso pubblico. E qui probabilmente, ne verranno fuori delle belle, dato che, nel ginepraio della legislazione allegra della Prima Repubblica, quelli che hanno vinto un concorso nell’Asl di Caserta, si potranno contare sulle dita e forse di una mano sola.
    Mascolo chiede di sapere, nella sua istanza, quanti di questi dirigenti, diventati da qualche giorno suoi ex colleghi, sono in possesso dei titoli effettivamente richiesti; se sono in regola con una effettiva valutazione
    del lavoro prodotto; se sono privi di carichi pendenti o afflitti da problemi con la giustizia amministrativa; se in regola con le contribuzioni previdenziali; se sono in ordine con la corrispondenza dei titoli di studio ( nell’Asl c’è gente con la terza media e con il diploma di scuola secondaria, preso in certi istituti privati, che sono diventati ottavi livello e anche altro) con le mansioni svolte, etc. etc.
    Ce n’è abbastanza per prevedere un vero e proprio terremoto proprio mentre Menduni si appresta ad adottare l’Atto Aziendale con il quale deve individuare le nuove strutture complesse e semplici ed i relativi dirigenti. Mascolo, in pratica, indurrà Menduni ad una più attenta e corretta valutazione dei suoi dipendenti, arginando così un inconsueto e sconosciuto tasso di conflittualità venutosi a creare con la sua gestione e affidata
    al solito gruppetto dei 6 mandarini.

    G.G.

    PUBBLICATO IL: 26 ottobre 2012 ALLE ORE 16:37