Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    ASL, CAMORRA, APPALTI E POLITICA – Quando Gasparin disse all’albanese che lo aveva minacciato con la pistola: “Sei un sottograduato… io ho parlato con il tuo capo”


      Un’altra intercettazione molto interessante alle pagine 110, 111, 112 e 113.  CASERTA – Lo stralcio dell’ordinanza che abbiamo deciso di pubblicare in calce a questo nuovo articolo sulla vicenda giudiziaria che vede coinvolti dirigenti Asl, esponenti politici e imprenditori accusati di aver favorito la camorra, riguarda due colloqui avvenuti sia prima della seduta della […]

    Nelle foto, da sinistra, Angelo Grillo e Giuseppe Gasparin

     

    Un’altra intercettazione molto interessante alle pagine 110, 111, 112 e 113. 

    CASERTA – Lo stralcio dell’ordinanza che abbiamo deciso di pubblicare in calce a questo nuovo articolo sulla vicenda giudiziaria che vede coinvolti dirigenti Asl, esponenti politici e imprenditori accusati di aver favorito la camorra, riguarda due colloqui avvenuti sia prima della seduta della commissione – gare -, sia dopo l’insediamento della stessa, tra il dirigente Asl Giuseppe Gasparin ed un uomo con accento “balcanico”.

    Se i magistrati dovessero riuscire a dimostrare il contenuto delle due intercettazioni ambientali e a correlare il fatto che il capo di cui Gasparin parla all’albanese sia proprio Angelo Grillo, questo determinerebbe un fatto importante e cioè rafforzerebbe l’idea che Gasparin fosse consapevole del fatto che Grillo, considerato il capo di un criminale albanese, fosse organico alla camorra.

    Il primo incontro tra l’albanese e Gasparin sarebbe avvenuto fuori l’abitazione del dirigente Asl… In tale contesto di parla si una pratica riguardante la Co.Lo.coop e i verbalizzanti ascoltano anche un rumore, come di scarrellamento di una pistola….

    Nel secondo incontro, invece, Gasparin arriva anche a dire che gli serviva un tramite, che “Angelo Grillo, quello che ti raccomanda a Caserta, so sono stato a casa sua l’altro giorno…. ” nonché tenta di valutare anche il grado e l’importanza del criminale che ha di fronte: “… Ma allora chi ti manda? … Sei un sottograduato…”

     

     

    PUBBLICATO IL: 11 novembre 2013 ALLE ORE 16:31