Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    Arrestato a SANT’ARPINO il latitante scappato alla giustizia dopo aver accoltellato un ambulante che esercitava sul “suo” lungomare senza permesso


          I fatti si sono verificati la scorsa estate a Sabaudia, in provincia di Latina       SANT’ARPINO – Nella serata di ieri, il personale della Squadra Mobile di Caserta, diretta dal vice questore Alessandro Tocco, al termine di una intensa attività infoinvestigatiga, ha tratto in arresto il cittadino marocchino Harmane Abderrazzak, […]

    Nella foto, a sinistra, Harmane Abderrazzak

     

     

     

    I fatti si sono verificati la scorsa estate a Sabaudia, in provincia di Latina

     

     

     

    SANT’ARPINO – Nella serata di ieri, il personale della Squadra Mobile di Caserta, diretta dal vice questore Alessandro Tocco, al termine di una intensa attività infoinvestigatiga, ha tratto in arresto il cittadino marocchino Harmane Abderrazzak, 49 anni, rintracciato in un’abitazione di Sant’Arpino, dove aveva trovato rifugio.

    L’uomo era latitante in quanto colpito da ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa il 30 settembre scorso dal Gip presso il Tribunale di Latina per tentata estorsione e lesioni personali aggravate, in concorso, commessi a Sabaudia il 31 luglio.

    Il prevenuto, unitamente ad altri tre appartenenti alla sua stessa famiglia, aveva selvaggiamente e ripetutamente percosso ed accoltellato, un connazionale, venditore ambulante, al quale voleva impedire di esercitare l’attività commerciale sul lungomare di Sabaudia, ritenuto dominio esclusivo della famiglia di Harmane Abderrazzak, dedita all’esercizio del commercio ambulante.

    La vittima, a cui erano stati anche distrutti il carrettino e la merce, a seguito delle ferite riportate, era stata soccorsa presso il vicino ospedale ove era stata medicata per trauma contusivo cranico, ferita lacero contusa occipitale e contusioni multiple per il corpo.

    Il prevenuto, dopo gli adempimenti di rito, è stato associato presso la casa circondariale di San Tammaro a disposizione della competente autorità giudiziaria.

    PUBBLICATO IL: 4 febbraio 2014 ALLE ORE 11:05