Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    L’arresto in diretta del boss di Mondragone, Alessandro Sbordone


            E’ stato acciuffato dai carabinieri della Compagnia della cittadina rivierasca presso la stazione di Formia. Voleva fuggire all’estero. Possedeva una carta di identità falsa, 500 euro e i biglietti acquistati da un fiancheggiatore e da una donna, anche loro fermati.  Aggiornamento 18.11 -  I Carabinieri della Compagnia di Mondragone hanno terminato […]

     

     

    Nella foto, i carabinieri irrompono nella stazione di Formia e arrestano Alessandro Sbordone

     

     

    E’ stato acciuffato dai carabinieri della Compagnia della cittadina rivierasca presso la stazione di Formia. Voleva fuggire all’estero. Possedeva una carta di identità falsa, 500 euro e i biglietti acquistati da un fiancheggiatore e da una donna, anche loro fermati. 

    Aggiornamento 18.11 -  I Carabinieri della Compagnia di Mondragone hanno terminato da poco la perquisizione a carico di Alessandro Sbordone e dei soggetti che erano con lui presso la Stazione Ferroviaria di Formia, tra cui un fiancheggiatore e una donna. Sono stati rinvenuti una carta d’identità falsa con la foto dello latitante mondragonese ed ovviamente dati anagrafici alterati, circa 500 euro in contanti, indumenti all’interno delle valigie che lasciano presumere una lunga assenza. I biglietti ferroviari erano stati già acquistati ed i tre erano pronti, quindi, a partire  entro pochi minuti.

    Alessandro Sbordone

    Per quanto attiene i Sostituti Procuratori responsabili delle attività d’indagine che hanno portato all’emissione delle ordinanze di custodia cautelare in carcere a carico di Sbordone, sono i dott. Milita, Maresca, mentre per la Procura di Santa Maria Capua Vetere,è  il dott. Damiano.
    Aggiornamento 16.40 –  I Carabinieri della Compagnia di Mondragone hanno bloccato Alessandro Sbordone, mentre si trovava assieme ad una donna presso la Stazione Ferroviaria di Formia, dove un fiancheggiatore stava provvedendo all’acquisto dei titoli di viaggio che li avrebbero condotti a Modena, per poi  proseguire, verosimilmente, all’estero. Il capo clan Fragnoli-Gagliardi-Pagliuca è destinatario di due ordinanze di custodia cautelare in carcere, la prima emessa dalla DDA di Napoli per associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti aggravata dal metodo mafioso, la seconda della Procura di Santa Maria Capua Vetere per minacce aggravate, porto di armi ed esplosione in luogo pubblico di colpi d’arma da fuoco.

    Dal 28 giugno 2012, serata della semifinale degli Europei, Italia – Germania, quando furono esplosi numerosi colpi d’arma da fuoco nei confronti di due pregiudicati agli arresti domiciliari a Mondragone per affermare la gestione da parte del clan Fragnoli-Gagliardi-Pagliuca delle piazze di spaccio della cittadina rivierasca, Sbordone si era reso irreperibile. Sfuggì anche alla cattura del 4 dicembre 2012, nell’ambito dell’operazione di polizia coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia che ha avuto quali destinatari 35 indagati per il reato associativo di traffico di stupefacenti del tipo cocaina, crack ed hashish, aggravata dall’aver agito al fine di agevolare il clan camorristico egemone in Mondragone.

    MONDRAGONE – I Carabinieri della Compagnia di Mondragone, al comando del capitano Lorenzo Iacobone, hanno catturato, pochi minuti fa (sono le 16.07) il latitante Alessandro Sbordone di 23 anni, originario di Formia, attuale reggente del clan Fragnoli-Gagliardi-Pagliuca operante in Mondragone.  Sbordone è stato preso presso la Stazione Ferroviaria di Formia, da dove si stava dirigendo verso il Nord Italia per poi proseguire, probabilmente,  la latitanza all’estero.

    PUBBLICATO IL: 18 gennaio 2013 ALLE ORE 19:09