Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    Accusato di violenza sessuale alla moglie in presenza del figlio, assolto


    Il 47enne di Gricignano d’Aversa, difeso dall’avvocato Dezio Ferraro è riuscito in Appello a ribaltare il verdetto della sentenza di primo grado GRICIGNANO D’AVERSA - Fu condannato a 8 anni per violenza sessuale ai danni dell’ex moglie, oggi la sentenza è stata annullata. A L.A., 47enne di Gricignano d’Aversa, imputato del grave reato, per fatti […]

    Il 47enne di Gricignano d’Aversa, difeso dall’avvocato Dezio Ferraro è riuscito in Appello a ribaltare il verdetto della sentenza di primo grado
    GRICIGNANO D’AVERSA - Fu condannato a 8 anni per violenza sessuale ai danni dell’ex moglie, oggi la sentenza è stata annullata. A L.A., 47enne di Gricignano d’Aversa, imputato del grave reato, per fatti avvenuti secondo la denuncia nel 2006 a Lucca in presenza del figlio minorenne, è stata riconosciuto l’annullamento della sentenza nel corso dell’udienza dinanzi alla Corte d’Appello di Firenze.
    Avverso alla sentenza, pronunciata nel 2011 nel corso di un’udienza ove l’uomo era difeso da un avvocato d’ufficio, ha proposto motivi di appello il suo attuale difensore, l’avvocato casertano Dezio Ferraro. Ferraro si è infatti accorto di un difetto di notifica che gravava sull’udienza preliminare e anche sull’udienza dibattimentale del primo procedimento innanzi al tribunale di Lucca, ove non a caso l’imputato era stato giudicato in stato di contumacia, non avendo ricevuto il decreto di citazione.
    L’avvocato Ferraro, pertanto, ha richiesto la nullità della sentenza e la rinnovazione del dibattito processuale. La Corte d’Appello ha accolto la richiesta, dichiarando la nullità della sentenza e rinviato gli atti al Giudice dell’Udienza Preliminare.
    In merito ai gravi aspetti di reato di cui fu accusato l’uomo, novità arrivano anche dalle indagini difensive svolte dall’avvocato Ferraro e che ora il legale farà valere nel prosieguo della vicenda processuale: il figlio minorenne dell’imputato, infatti, ha negato in una dichiarazione scritta che il fatto sia avvenuto, così come finora sostenuto. Un aspetto che non era stato oggetto di alcun approfondimento nel corso delle indagini e della prima udienza dibattimentale e che getta una nuova luce sull’intera vicenda.

    PUBBLICATO IL: 21 marzo 2013 ALLE ORE 18:54