Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    Accusati di aver evitato ispezioni ad un impresa, assolti ispettore ed ex presidente del Consiglio di ALVIGNANO


    Il giudice di Santa Maria Capua Vetere, Mazzaro ha accolto le tesi degli avvocati Mariano Omarto ed Alessandro Marrese

    rp_tribunale2-300x204.jpg

    ALVIGNANO. Erano accusati entrambi a vario titolo di reati che andavano dalla corruzione all’omissione in atti di ufficio commessi ad Alvignano nel dicembre del 2005.  Stiamo scrivendo di Aldo Morgillo all’epoca dei fatti presidente del Consiglio comunale di Alvignano e dell’ispettore Antonio Catalano.Lo scorso 13 marzo, entrambi sono stati assolti, in quanto il presidente della II sezione del tribunale di Santa Maria Capua Vetere, la dott.ssa Mazzaro, ha dato ragione alle tesi sostenute dalla difesa rappresentata dagli avvocati Mariano Omarto ed Alessandro Marrese.

    I FATTI. Secondo quanto era emerso dalle intercettazioni telefoniche, le quali sono state poste a base del teorema accusatorio del Pm, il presidente del Consiglio, Morgillo si sarebbe ritrovato a rassicurare i titolari della ditta Giuseppe Di Meo, riguardo una possibile ispezione che avrebbe interessato la loro impresa. Secondo l’accusa Morgillo avrebbe rabbonito ed evitato una ispezione da parte dell’Ufficio Provinciale del Lavoro, che aveva già interessato la coop Ristoro alla Gardenia.

    I controlli, comunque vennero eseguiti lo stesso da parte dell’ispettore Antonio Catalano che però era ignaro di tutto. Secondo quanto è stato acclarato si sarebbe trattata di una vicenda strumentalizzata dal punto di vista politico, la quale si è risolta col verdetto assunto dalla dott.ssa Mazzaro: assoluzione per entrambi.

    PUBBLICATO IL: 19 marzo 2014 ALLE ORE 15:34