Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    Accoltella la pancia un suo collega di lavoro, che finisce in prognosi riservata


    Il fatto è successo stamattina, lunedì, nella sede di un’impresa di trasporto merci di Pastorano. Il 33enne è di Pignataro Maggiore. La lite scoppiata per futili motivi. L’aggressore si è costituito PIGNATARO MAGGIORE -  I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile – Aliquota Operativa di Santa Maria Capua Vetere, unitamente a personale della stazione di […]

    Il fatto è successo stamattina, lunedì, nella sede di un’impresa di trasporto merci di Pastorano. Il 33enne è di Pignataro Maggiore. La lite scoppiata per futili motivi. L’aggressore si è costituito
    PIGNATARO MAGGIORE -  I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile – Aliquota Operativa di Santa Maria Capua Vetere, unitamente a personale della stazione di Pignataro maggiore, hanno proceduto all’arresto di  V.A.  34enne, di Pignataro Maggiore, operaio di una ditta di trasporto merci di Pastorano, ritenuto responsabile di tentato omicidio. L’uomo, nella mattinata odierna, nel corso di una lite scaturita per futili motivi relativi alla ritardata apertura del cancello di ingresso della ditta dove lavora, ha colpito con un coltello a serramanico  un collega che a seguito delle gravi lesioni riportate, è  stato trasportato presso l’ospedale civile di Santa Maria Capua Vetere dove trovasi tuttora ricoverato in prognosi riservata (non in pericolo di vita) poiché riscontrato affetto da “ferita da punta regione addominale sinistra e ferita da taglio emitorace destro”. L’operaio, sentendosi braccato dalle serrate ricerche condotte dai carabinieri della Compagnia di Santa Maria C.V. e da quelli della stazione di Pignataro Maggiore, avviate subito dopo il ricovero della vittima,  si è costituito presso la compagnia sammaritana accompagnato dal proprio legale di fiducia, dove ha ammesso le proprie responsabilità circa l’accoltellamento. L’uomo ha inoltre fornito ai militari dell’Arma indicazioni che hanno consentito di ritrovare l’arma del delitto, nonché gli abiti ancora sporchi di sangue. L’arrestato è stato associato presso la casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere.

    PUBBLICATO IL: 22 aprile 2013 ALLE ORE 19:25