Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    4 ARRESTI AD AVERSA, CAMORRA – Estorsioni ad una nota azienda parafarmaceutica. Decisiva una cimice installata nell’auto della vittima


      Ci sono due ex affiliati al clan Bidognetti e consaguinei di Raffaele Maccariello. Operazione dei carabinieri della città normanna AVERSA - Quattro persone ritenute vicine alla fazione Schiavone del clan dei Casalesi sono state sottoposte, stamane, venerdì, al fermo dai carabinieri di Aversa  per tentata estorsione ed estorsione aggravata dal metodo mafioso. Si tratta […]

     

    Ci sono due ex affiliati al clan Bidognetti e consaguinei di Raffaele Maccariello. Operazione dei carabinieri della città normanna

    AVERSA - Quattro persone ritenute vicine alla fazione Schiavone del clan dei Casalesi sono state sottoposte, stamane, venerdì, al fermo dai carabinieri di Aversa  per tentata estorsione ed estorsione aggravata dal metodo mafioso.

    Si tratta di Domenico e Antonio Maccariello fratelli di Raffaele Maccariello, ex affiliati alla fazione Bidognetti del clan e di Paolo Corvino e Gennaro Mastrominico.

    In piu’ occasioni e in diverse circostanze i quattro hanno chiesto il pizzo ai titolari di una nota azienda parafarmaceutica dell’Agro Aversano durante le festivita’ di Natale, Pasqua e Ferragosto.

    L’ultima estorsione, da 20mila euro, e’ stata messa a segno lo scorso Natale. La richiesta estorsiva e’ stata poi ripetuta in occasione delle festività pasquali di quest’anno quando i militari dell’Arma, che tenevano sotto controllo le vittime, sono riusciti a documentare quanto stava accadendo, grazie a una cimice installata nell’auto di uno dei titolari dell’azienda.

    I carabinieri di Aversa hanno poi convocato le vittime e chiesto loro se fossero nel mirino di qualche gruppo camorristico della zona ricevendo risposta negativa. A questo punto gli investigatori hanno fatto ascoltare alle vittime le registrazioni raccolte durante le indagini costringendole a confermare l’accaduto.

    I militari dell’Arma hanno notificato ai quattro un decreto di fermo emesso dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli

    PUBBLICATO IL: 21 giugno 2013 ALLE ORE 17:10