Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    AGG 9,19/ 32 ARRESTI, RIFIUTI D’ORO NEL CASERTANO. COINVOLTE ANCHE ASSOCIAZIONI NO PROFIT


      Operazione del Noe, coordinata dalla dda. Tre filoni di inchiesta. Importavano rifiuti tessili dalla Germania e li esportavano come capi di abbigliamento in Sud America, Asia e Africa. Molti di questi capi erano quelli che raccoglievano talune associazioni, che avevano ottenuto dai comuni del casertano la possibilità di ritirare gli abiti vecchi smaltiti in […]

     

    Operazione del Noe, coordinata dalla dda. Tre filoni di inchiesta. Importavano rifiuti tessili dalla Germania e li esportavano come capi di abbigliamento in Sud America, Asia e Africa. Molti di questi capi erano quelli che raccoglievano talune associazioni, che avevano ottenuto dai comuni del casertano la possibilità di ritirare gli abiti vecchi smaltiti in cassonetti appositi

     

    Agg 9,19 –  IL COMUNICATO STAMPA DELLA DDA

     

    CASERTA – Sono tre le organizzazioni individuate da un’indagine avviata a dicembre 2011 dai Carabinieri del Noe di Caserta dedite al traffico di rifiuti nelle province campane di Napoli, Caserta, Benevento e Avellino. Un’inchiesta che ha portato all’emissione da parte del Gip di Napoli di una misura cautelare in carcere a carico di 32 persone. I militari dell’Arma, attraverso l’attivita’ investigativa, hanno compreso che tra le tre bande vi era in qualche modo una spartizione spontanea quanto efficace, sottolinea in una nota la Procura, delle attivita’ illecite.

    In particolare, imprese operanti nel Casertano e nel Napoletano, importavano rifiuti tessili soprattutto dalla Germania, per poi esportarli in Bolivia, India, Tunisia, senza mai sottoporli al recupero, ed etichettandoli come merce selezionata, igienizzata e recuperata. Un traffico su vasta scala che ha permesso alle aziende di abbattere i costi e ottenere un ingiusto profitto a danno della concorrenza; questi rifiuti tessili, destinati a Paesi dell’America Latina, dell’Asia e dell’Africa, era frammista a rifiuti di ogni altra tipologia, perfino cibi avariati, farmaci scaduti ed escrementi.

    PUBBLICATO IL: 6 maggio 2013 ALLE ORE 8:51