Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    TERRA DEI FUOCHI, il Santo Padre telefona a suor Teresa di CASAL DI PRINCIPE


        L’iniziativa del Papa è giunta a seguito di un intervento di don Maurizio Patriciello.   CASAL DI PRINCIPE – Nel clima di paura che in questi mesi è stato generato dalle innumerevoli notizie riguardanti le conseguenze dei rifiuti tossici presenti in Campania e dal pauroso aumento dei tumori, un messaggio di speranza è […]

     

     

    L’iniziativa del Papa è giunta a seguito di un intervento di don Maurizio Patriciello.

     

    CASAL DI PRINCIPE – Nel clima di paura che in questi mesi è stato generato dalle innumerevoli notizie riguardanti le conseguenze dei rifiuti tossici presenti in Campania e dal pauroso aumento dei tumori, un messaggio di speranza è arrivato in questi giorni direttamente dalla Santa Sede. Suor Teresa, una religiosa dell’Istituto Figlie di Sant’Anna di Casal di Principe, ha infatti ricevuto di recente una telefonata da parte del Santo Padre Bergoglio, che l’ha incoraggiata con le sue parole. Questo inaspettato contatto è la conseguenza di un’iniziativa messa a punto da don Maurizio Patriciello, parroco della Chiesa San Paolo Apostolo di Caivano, il quale ha deciso di riprodurre sotto forma di cartoline le foto di undici bambini stretti tra le braccia delle proprie mamme, purtroppo deceduti a causa di neoplasie. Le 150 mila cartoline sono state distribuite ai cittadini della città, e poi spedite quasi tutte al Papa. Su una di queste, suor Teresa aveva scritto il proprio numero di telefono, sperando di ricevere presto una chiamata di Bergoglio. E così è stato.

    Il Santo Padre, già pienamente consapevole della disastrosa situazione ambientale presente in Campania, ha dichiarato di essersi profondamente e ulteriormente commosso di fronte a quelle fotografie. Per questo ha poi deciso di contattare la suora della cittadina casertana, una mattina, proprio mentre lei si trovava in classe con i suoi piccoli alunni, che hanno iniziato a festeggiare quando hanno capito chi si trovasse dall’altra parte della cornetta. 

    L’auspicio di don Maurizio e dell’intera comunità casalese e casertana è che presto il Papa decida di invitare l’invito a far visita alla Terra dei Fuochi, o che almeno ne parli durante una delle sue omelie a San Pietro, per diffondere un efficace messaggio di compassione nei confronti della Terra dei Fuochi.

    PUBBLICATO IL: 19 novembre 2013 ALLE ORE 11:06