Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    S.MARIA C.V. – La città “scassata”: illuminazione pubblica spenta a macchia di leopardo. Dopo “Central Park” e via Mazzocchi, sabato al buio in piazza Padre Pio


        Dopo il lungo disagio nel rione Iacp, ora il problema si è trasferito nelle altre zone della città. Coincidenza o accordo col fornitore per risparmiare soldi in un Comune che dissipa 300mila euro al mese in carichi diretti, somme urgenze e cottimi fiduciari     SANTA MARIA CAPUA VETERE – Quando, per diversi […]

     

     

    Dopo il lungo disagio nel rione Iacp, ora il problema si è trasferito nelle altre zone della città. Coincidenza o accordo col fornitore per risparmiare soldi in un Comune che dissipa 300mila euro al mese in carichi diretti, somme urgenze e cottimi fiduciari

     

     

    SANTA MARIA CAPUA VETERE – Quando, per diversi mesi, il rione Iacp è rimasto completamente al buio, le proteste ci sono state, ma fino ad un certo punto. Il problema era serio, ma certo non dispiaceva a coloro che in quell’area della città praticano azioni illegali.

    E se, d’altronde, l’illuminazione pubblica non funzione, magari il passaggio da una mano all’altra di qualche bustina di droga diventa molto più agevole.

    Terminata l’emergenza dell’Iacp, il disagio della città al buio si è trasferito in altri luoghi. Carenze a macchia di leopardo: una serata al buio in piazza Matteotti e in via Mazzocchi, nei pressi della facoltà di Giurisprudenza, un’altra serata “nera” nell’area di “Central Park”, nei pressi dello stadio Piccirillo, e, infine, sabato sera, luci spente nella centralissima piazza Padre Pio.

    Sarebbe interessante comprendere se ci troviamo di fronte a coincidenze sfortunate oppure se lo spegnimento della pubblica illuminazione, con un sistema a rotazione, è frutto di un accordo tra il Comune e il titolare del servizio, magari per motivi legati al risparmio energetico, così come è capitato in altri Comuni, a partire, negli anni scorsi, dal Comune di Caserta.

     

    G.G.

     

    PUBBLICATO IL: 25 novembre 2013 ALLE ORE 15:57